15 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.28

1° maggio di protesta dei lavoratori blutec davanti ai cancelli di Termini Imerese

2 Maggio 2019

Primo maggio davanti ai cancelli della Blutec di Termini Imerese per i lavoratori, che hanno voluto così protestare per l’incertezza del loro futuro alla luce delle più recenti vicende che riguardano l’azienda.

“Il Primo Maggio per i lavoratori dell’ex Fiat di Termni Imerese, oggi Blutec, e dell’indotto non è stato un giorno di festa. Non lo è da ormai 8 anni quando la Fiat, oggi FCA, ha deciso di abbandonare questo territorio lasciando nell’incertezza oltre mille famiglie”.

Ad affermarlo sono Ludovico Guercio segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani,  Antonio Nobile segretario provinciale Fim e Giacomo Raneri coordinatore Fim Termini Imerese, che il 1° maggio hanno partecipato al sit in dei lavoratori Blutec davanti lo stabilimento.

“Non è un Primo Maggio di festa ma è un primo maggio di speranza, di perseveranza e di lotta. I lavoratori sono determinati a non mollare. Non vogliono vedere svanire così il loro futuro e quello delle loro famiglie. I lavoratori non vogliono assistenzialismo, vivere di cassa integrazione, gli ammortizzatori devono servire solo come ausilio al rilancio industriale. Dobbiamo ripartire dal lavoro per ridare dignità alla gente di questo territorio, per far in modo che anche per tutta la comunità di Termini Imerese il primo maggio sia davvero una giornata di festa”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.