14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.18
Messina

Eletto con il 70,60% di voti

Elezioni Santa Teresa di Riva, Lo Giudice eletto sindaco con voto plebiscitario

13 Giugno 2017

Il risultato più netto ed inequivocabile della tornata di voto nel messinese per le Amministrative dell’11 giugno si registra a Santa Teresa di Riva (Me), dove si è registrato il successo plebiscitario di Danilo Lo Giudice. Il giovane vicesindaco uscente, ha chiuso lo spoglio con 4251 voti (il 70,60%) mentre il rivale Antonio Scarcella si è fermato al 26,37%, 1588 consensi. Il terzo candidato con una lista di appoggio a Lo Giudice era Cateno De Luca, il primo cittadino sinora in carica si era candidato soltanto per provare a far eleggere a sostegno di Lo Giudice anche una lista in grado di prendere la minoranza.

Per lui 182 voti, il 3,02% e da un lato l’obiettivo centrato di aver aiutato Lo Giudice nella sua elezione, mentre non è riuscito il tentativo di strappare anche i seggi dell’opposizione a Scarcella. Alle 3 di notte Lo Giudice è sceso in piazza per festeggiare con i suoi sostenitori, insieme a De Luca, tra le note del brano “Tutta mia la città”, tra gli applausi della folla che lo ha incoronato con numeri record. Ed è già avvenuto, di fatto, anche il passaggio della fascia di sindaco, con De Luca che ha dichiarato: “Cinque anni addietro avevo promesso che sarei rimasto cinque anni e non un giorno di più.

Avevo promesso che avrei dato una spallata e l’ho data, il palazzo è stato raso al suolo e ricostruito. Ho mantenuto la promessa, ora Santa Teresa avrà il migliore sindaco possibile. Danilo farà bene e proseguirà in modo ancor più efficace il mio operato”. “La campagna elettorale finisce qui – ha detto il neosindaco Lo Giudice -, ora è tempo di amministrare e cercheremo di continuare quello che di straordinario ha già fatto Cateno. Un immenso grazie ai santateresini che ci hanno dato la loro fiducia”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.