9 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.48
Palermo

Mercoledì 20 marzo alle 22,30

395° Festino: inizia il cantiere all’Ucciardone. Il Carro verrà calato con una gru

18 Marzo 2019

Lo avevano annunciato il direttore artistico Lollo Franco e l’organizzatore Vincenzo Montanelli che la 395esima edizione del Festino di Santa Rosalia sarebbe passata alla storia.

L’edizione 2019 entrerà nel pieno delle attività con un passaggio importante: mercoledì 2o marzo, infatti, il Carro Trionfale verrà spostato dai Cantieri Culturali della Zisa, partenza ore 21,30, per giungere, intorno alle 22,30, alla Casa di Reclusione Ucciardone “Calogero di Bona”.

Sarà proprio l’Ucciardone la sede in cui gli stessi detenuti realizzeranno il Carro, sotto la guida dello scenografo Fabrizio Lupo, che ha anche firmato il progetto, con l’ausilio dell’Accademia di Belle Arti, in un cantiere visibile dall’esterno.

Il Carro, che sarà scortato dalla Polizia Municipale, partirà dai Cantieri Culturali alla Zisa e percorrerà via Paolo Gili, Piazza Principe di Camporeale, Via Dante, via Turati, Piazza don Sturzo, via Isidoro Carini, via Generale Dalla Chiesa, Via Duca della Verdura.

L’area del parcheggio del carcere sarà debitamente illuminata per l’occasione: una gru, posizionata nella strada di fronte, solleverà la struttura che verrà calata nell’esatto punto dove si realizzerà il cantiere.

Successivamente, a lavori avanzati, sarà condotto nell’area parcheggio di Piazza del Parlamento per la rifinitura, gli assemblaggi definitivi e gli impianti audio e luci, in vista del 14 luglio 2019.

L’avvio dei lavori del Carro con un evento pubblico e istituzionale, al quale prenderanno parte tra gli altri Rita Barbera, Direttrice della Casa di Reclusione Ucciardone, il sindaco Leoluca Orlando e Adham Darawsha Assessore alle Culture, rappresenta il momento inaugurale di #aspettandoilfestino2019, un calendario di appuntamenti che condurranno al 395° Festino, con l’obiettivo di coinvolgere il popolo palermitano in ogni passaggio della “sua” festa.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.