10 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.53

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” Carolina Varchi (Fratelli d’Italia): “Noi sovranisti per cambiare l’Europa” | VIDEO

31 Marzo 2019

 

Guarda in alto il video della 56ª puntata

Per la 56ª puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 31 marzo 2019, è ospite Carolina Varchi, deputato nazionale di Fratelli d’Italia.

Con riferimento alla politica nazionale, Carolina Varchi spiega il successo di “Fratelli d’Italia” che, nonostante la crescita della Lega, viene data in perfetta salute, ma racconta anche quali sono i programmi in vista delle elezioni europee: “A settembre Giorgia Meloni ha lanciato il progetto di un nuovo soggetto politico. Le europee saranno uno spartiacque e noi lo diciamo chiaramente, siamo conservatori e sovranisti e su questa base intendiamo far partire questa nuova fase già all’indomani delle elezioni di maggio”. Alla domanda se si candiderà o meno alle europee, risponde affermativamente: “Fin dal primo momento ho dato la disponibilità al partito perchè in Europa si combattono le battaglie più importanti del nostro tempo. Noi siamo sovranisti e vogliamo cambiare questa Europa, valorizzando il ruolo degli Stati sovrani”.

In merito all’ipotesi di un centrodestra futuro su base nuova che faccia riferimento ai principi propugnati da Fratelli d’Italia, Varchi sottolinea che “C’è l’ambizione di creare un polo autenticamente sovranista che possa anche ambire al governo della Nazione e superi l’attuale esecutivo grillo-leghista”. Riguardo al congresso sulle famiglie che si è svolto a Verona, sottolinea come la posizione di “Fratelli d’Italia” sia tesa a valorizzare e difendere temi come la tutela della vita, della famiglia naturale e della libertà educativa delle famiglie: “Sono temi su cui non recediamo, sono per noi principi non negoziabili. Non sono sacrificabili sull’altare di un contratto di governo, come è stato fatto da questo esecutivo”.

Rispetto al governo regionale targato Nello Musumeci, afferma “in Sicilia il centrodestra lavora. Il bilancio del governo è positivo, ma è evidente che sarà necessario un cambio di passo per allontanare il brutto ricordo di cinque anni di Crocetta che hanno devastato la Sicilia”. 

Infine, uno sguardo sui sindaci delle tre aree metropolitane: il giudizio è positivo sul primo cittadino di Catania Salvo Pogliese, possibilista sul sindaco messinese Cateno De Luca, mentre non fa sconti al palermitano Leoluca Orlando: “Leggiamo di Palermo sulle cronache nazionali solo quando Orlando si occupa di migranti, ma, ormai è evidente, non bada in nessun modo ai problemi della città. La sensazione è di vivere in una città abbandonata a se stessa”. 

Guarda in alto il video della 56ª puntata

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.