la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” è ospite Giorgia Meloni: “Sul governo regionale giudizio sospeso” | VIDEO

10 Marzo 2019

 

Guarda in alto il video della 53ª puntata di “Bar Sicilia”

Per la cinquantatreesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica della domenica de ilSicilia.it, con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi domenica 10 marzo 2019, ospite d’eccezione è la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, in Sicilia per cominciare a lanciare la volata del suo partito nell’Isola in vista delle Europee.

In merito agli attuali assetti politici, ai nostri microfoni spiega come in futuro non vede la possibilità di ripetere il centrodestra come lo avevamo conosciuto in passato: “Quello che stiamo facendo noi con Fratelli d’Italia è di aprire i confini tradizionali della destra anche ad altre realtà, culture, storie e personalità che si sono sentite disperse in questi anni e non più rappresentate, per costruire un secondo grande movimento nell’ambito del centrodestra, alleato ma distinto dalla Lega”.

E aggiunge, guardando all’ipotesi di un governo futuro: “C’è un’altra maggioranza possibile, di persone che condividono fra loro i valori e le scelte, cosa che Lega e 5 Stelle non possono fare perchè in tutte le scelte dirimenti i 5 Stelle hanno posizioni di sinistra”. 

Rispetto alla Sicilia e alle recenti posizioni assunte da Nello Musumeci, che ha “aperto al centro” dichiarando la neutralità di “Diventerà bellissima” alle prossime europee, Giorgia Meloni sottolinea che “in futuro Musumeci si ravvederà”: “Non so perchè il presidente Musumeci abbia fatto queste dichiarazioni. Non le condivido, temo che sia il tentativo di mantenere la maggioranza compatta. Io sarei stata più coraggiosa. Ma va bene così, è un segnale di chiarezza: i siciliani che alle europee vogliono votare a destra sanno adesso che l’unica forza che possono scegliere è Fratelli d’Italia. Il giudizio sul governo regionale è un giudizio sospeso, io credo che Musumeci stia facendo un grande lavoro di riorganizzazione della macchina regionale. Mi pare che un primo risultato sia sulla spesa dei fondi europei. Quindi una riorganizzazione sta funzionando. Ma ora aspettiamo anche che arrivi la fase in cui i cittadini vedano anche le risposte. E posso dire che i primi risultati sono merito di Fratelli d’Italia”.

La leader di Fratelli d’Italia si dice d’accordo con la costruzione del Ponte sullo Stretto, ma anche di tutte quelle infrastrutture in grado di ammodernare il sistema dei trasporti e la condizione complessiva della viabilità, ricordando che uno degli obiettivi è lo sviluppo, da realizzare anche portando l’alta velocità a sud di Salerno, visto che ancora oggi i treni ad alta velocità non vanno più a sud.

Su giovani e reddito di cittadinanza, rispondendo a una domanda di Veronica Gioè, Giorgia Meloni rivolge giudizi pesanti all’indirizzo del provvedimento simbolo del Movimento 5 Stelle: “Il punto è se la politica ha o no il coraggio di investire sul lungo periodo. A me pare che la politica così facendo preferisca fare cassa elettorale. Il reddito di cittadinanza non produce lavoro, perchè fra un anno i siciliani che lo otterranno dovranno optare se accettare eventualmente un lavoro lontani dalla Sicilia. Ma il tema è creare lavoro vero in Sicilia, non assistenzialismo e false promesse. Noi abbiamo fatto tante proposte, che hanno proprio questo scopo. La gente si accorgerà troppo tardi che con il reddito di cittadinanza è stata presa in giro, perchè quando avverrà avrà già votato per le elezioni europee”. 

Guarda in alto il video della 53ª puntata di “Bar Sicilia”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.