11 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.16

la rubrica della domenica

A “Bar Sicilia” il presidente della Regione Nello Musumeci: “Dell’autonomia siciliana è stata fatta carne da macello” | VIDEO

22 Settembre 2019

 

Guarda in alto il video della 77ª puntata

A “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 22 settembre 2019, in questa 77ª puntata è nostro ospite il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

Il governatore spiega il motivo per cui qualche giorno fa ha convocato una conferenza stampa per parlare di disavanzo e attacca l’opposizione, in particolare il Pd, colpevole di avere “governato per anni la Sicilia ma non essere riuscito a farla crescere”: “La Regione ha un disavanzo di 7 miliardi e 300 milioni. Si tratta di debiti contratti negli ultimi trent’anni soprattutto nel settore della sanità, che noi abbiamo ereditato dai precedenti governi. L’amarezza è questa. In questo anno e mezzo di governo Musumeci non è maturato un solo euro di debito”.

“Nel 2015 si poteva chiedere di spalmarlo in trent’anni. Al governo c’era il Pd. Dovevano allora intervenire e non lo hanno fatto. La verità è che in questi decenni, dell’autonomia siciliana è stata fatta carne da macello. Il denaro veniva utilizzato come fosse frutta da distribuire agli affamati. E’ stata messa su una macchina con decine di migliaia di precari a cui non è stato garantito il futuro – ora ne stiamo stabilizzando circa diecimila – e anche le imprese hanno sofferto, perchè si è preferita l’occupazione senza lavoro, dimenticando che la vera occupazione la fornisce l’impresa e non la pubblica amministrazione”.

“Mi meraviglio del Pd – aggiunge ancora il presidente della Regione – che accusa il governo. Ma con quale coraggio? Loro hanno governato la Sicilia per decenni. Sono fra i responsabili. Non può il Partito democratico far finta di venire da chissà dove. Nessuno, centrodestra e centrosinistra, si può tirare indietro davanti a questo pauroso disavanzo. E’ il momento di fare quadrato attorno a un governo che si è trovato questa paurosa eredità. Chi è stato carnefice non può pensare di atteggiarsi a vittima. In Sicilia sono tutti colpevoli di questa situazione. Soprattutto il centrosinistra che ha governato la Sicilia per 50 anni, ma anche il centrodestra che ha governato per dodici anni.  Andremo avanti rispondendo colpo per colpo alle insinuazioni e alle bugie di chi pensa di rifarsi una verginità“.

Sulle recenti incomprensioni con il parlamento regionale, sfociate la scorsa settimana nella bagarre relativa al collegato, Musumeci preferisce gettare acqua sul fuoco: “Io ho grande rispetto per il parlamento siciliano che fa il suo mestiere. Io non sono la persona adatta per fare pagelle. Le scintille, le incomprensioni, è normale che ci siano fra governo e parlamento. La geografia parlamentare per il resto non mi appassiona, perchè io lavoro per fare gli interessi dei siciliani, così come dovrebbero fare tutti i deputati. Alla fine del giro tutti torneremo davanti agli elettori”. 

In merito all’emergenza rifiuti che soprattutto vede in difficoltà le tre principali città siciliane, Palermo, Catania e Messina, il presidente della Regione, sfodera i numeri della raccolta differenziata che sotto il suo governo è aumentata rispetto agli anni passati, ricorda l’approvazione della legge sui rifiuti varata dalla commissione e ferma in parlamento, e afferma di non avere alcun pregiudizio né nei confronti dei termovalorizzatori e nemmeno verso le altre forme di smaltimento.

Sul futuro del suo movimento “Diventerà bellissima“, spiega che il dialogo c’è con tutti i soggetti del centrodestra e che sarà un congresso a decidere cosa fare – a tempo debito- a livello nazionale: “Il centrodestra è condannato a stare unito se vuole vincere e noi vogliamo essere un movimento autonomista nell’ambito di questa composita alleanza”. 

Infine, sul nome del prossimo assessore regionale ai beni culturali, delega che tiene lo stesso Musumeci da quando è tragicamente scomparso il professore Sebastiano Tusa, il presidente non si sbilancia, limitandosi ad affermare che non sarà per forza uno della caratura di Vittorio Sgarbi o dello stesso Tusa, ma che sta valutando alcune figure e deciderà nelle prossime settimane.

Guarda in alto la puntata di “Bar Sicilia”

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.