23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38

A “Bar Sicilia” un augurio speciale con Peppe Giuffrè e Salvo Piparo, fra cibo e tradizione | VIDEO

30 Dicembre 2018

 

Guarda in alto il video della quarantatreesima puntata

È una puntata speciale questa quarantatreesima di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione:  oggi, domenica 30 dicembre, abbiamo due ospiti d’eccezione: Salvo Piparo, teatrante palermitano molto amato dal pubblico, e Peppe Giuffrè, artista della grande cucina, o “cuciniere” come ama farsi chiamare. Una puntata straordinaria, per dare addio al 2018 e dare il benvenuto al nuovo anno, con la partecipazione anche dell’assessore regionale ai Beni culturali della Regione Siciliana Sebastiano Tusa, in una veste decisamente insolita.

Una puntata, con il nostro bar della domenica allestito in una cornice unica, “Io.bio“, un giardino biologico nel cuore di Palermo, con una sala adibita alla ristorazione e prodotti agricoli certificati coltivati in loco in uno spazio esterno straordinario.

Peppe Giuffrè sottolinea come il nuovo anno sarà all’insegna della tradizione: “Una cucina consapevole, anche economica. Qui siamo come nella casa del contadino, in cui ciò che si raccoglie si cucina. Il 2019 lo dedicherei a tutto ciò che c’è di naturale. E la cucina naturale, consapevole, significa tornare a zappare la terra”. Salvo Piparo ci racconta le differenze fra il presepe tradizionale e quello dei tempi moderni, “in cui invece dei pastorelli ci sono i personal trainer, gli influencer, i coach motivator, i wedding planner. Ci sono parole nuove, c’è il progresso, ma non dimentichiamo la genuinità: i lenticchie e u baccalà a sfinciuni”.

E dopo una passeggiata nel giardino, in cui oltre alle verdure e ai prodotti della terra vi sono anche diversi animali, ci spostiamo in cucina, dove Peppe Giuffrè si esibisce nella preparazione di un piatto prelibato, alla presenza dell’assessore Sebastiano Tusa, che ci ricorda come il cibo e l’enogastronomia sono cultura, perché sono una parte non indifferente della nostra identità culturale.

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.