16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.50
Palermo

Domenica 19 maggio

A Castelbuono nasce l’associazione gli “Amici del Museo Civico”

18 Maggio 2019

Castelbuono, la “piccola capitale dei Ventimiglia” deve le sue origini proprio ai Signori della Contea di Geraci, i quali, agli inizi del 1300, decisero di costruire un castello sul poggio dominante l’antico casale di “Ypsigro“, divenuto poi Castrum Bonum e, oggi, Castelbuono. Questo suggestivo e incantato borgo, che si trova nella vallata delle Madonie, con i suoi vicoletti, le stradine e il castello vi farà innamorare, catapultandovi nella storia che palpita in un presente che lo vede attivo e operoso sia dal punto di vista economico, sia da quello culturale.

Castelbuono

E, infatti, a riprova di ciò, lo stimolante e vario panorama castelbuonese si arricchisce di una nuova realtà associativa: gli “Amici del Museo Civico”.

Nata su iniziativa dell’Amministrazione Comunale e del Museo Civico di Castelbuono, l’associazione si pone come un organismo nuovo e indipendente, dedicato ad attività culturali, ricreative e ludiche, volte a coinvolgere attivamente tutti i cittadini castelbuonesi e quanti vorranno partecipare alle numerose iniziative in calendario, coltivando il desiderio di ritrovarsi uniti all’insegna del recupero della Memoria Collettiva e della Tradizione.

Il ventaglio delle numerose iniziative in programma e le modalità di adesione verranno illustrate nel corso dell’evento ufficiale di presentazione al pubblico che si terrà Domenica 19 maggio alle ore 18.30, presso la Sala del Consiglio del Comune di Castelbuono.

Sindaco di Castelbuono Mario Cicero

L’associazione “Amici del Museo Civico di Castelbuono” sarà un organismo indipendente, dedicato ad attività culturali e ludiche destinate a coinvolgere i cittadini di Castelbuono e quanti vorranno affiliarsi per partecipare alle iniziative in calendario. Il Sindaco Mario Cicero così ha dichiarato: “L’auspicio condiviso è quello che, attraverso le attività progettate dagli Amici del Museo, il Castello dei Ventimiglia possa essere vissuto pienamente da tutta la comunità, soprattutto da coloro i quali lo percepiscono solamente come il luogo legato al culto religioso di Sant’Anna. Il Castello, oggi Museo Civico, va interpretato come parte fondamentale di un progetto sociale collettivo, che ci vede sempre più consapevoli e responsabili di un investimento culturale, attraverso cui Castelbuono potrà continuare a costruire il suo futuro.”

Il Museo Civico manifesta grande compiacimento per la fondazione dell’associazione degli Amici del Museo. La Presidente Maria Enza Puccia così afferma in merito all’iniziativa: “Esprimo entusiasmo a nome mio e di tutto il C.d.A. per la costituzione dell’associazione. La prospettiva con cui lavoriamo è quella del dialogo, del confronto, dell’apertura e dello scambio con istituzioni e associazioni presenti nel territorio e altrove, con lo scopo di potenziare l’eccellenza del Museo Civico di Castelbuono, luogo di storia, cultura e fede in cui ogni cittadino ha la possibilità di identificarsi”. La Direttrice Laura Barreca: “Sarà un dispositivo dedicato all’organizzazione di attività ricreative pubbliche che, insieme alla programmazione culturale del Museo Civico, contribuirà a rendere l’offerta museale ancora più ricca, avvicinando all’istituzione fasce di pubblico della cittadinanza interessate a progetti e attività di vario genere che si svolgeranno sia all’interno del Castello dei Ventimiglia, sia in altri luoghi della cultura e dell’arte di Castelbuono”.

Luciana Cusimano Presidente Amici Museo Civico di Castelbuono

La neo-Presidente dell’associazione, Luciana Cusimano illustra l’iniziativa in questi termini: “La nostra funzione è quella di affiancare il Museo Civico, di cui siamo ideale, strutturale e funzionale costola nelle sue molteplici iniziative culturali, per far sì che venga “sentito”, insieme al Castello che ci ospita, punto di incontro e riferimento per tutti i castelbuonesi. Raccogliamo con gioia il “testamento morale” lasciatoci dall’assessore Regionale ai Beni Culturali Sebastiano Tusa: “i Musei devono essere un luogo di riferimento a cui tendere e in cui ritrovarsi”. Noi, in quanto “Amici del Museo Civico”, con spirito di apertura e di conoscenza, desideriamo tessere una rete di contatti e collaborazioni con analoghe realtà associative che animano il panorama culturale nazionale e, allo stesso tempo, cercheremo di essere collettore di idee, rapporti e collaborazioni con le realtà culturali circostanti. Intendiamo coinvolgere i castelbuonesi, stimolandone curiosità e creatività, e invitandoli a visitare i siti, i borghi, i poli museali ed espositivi della nostra Sicilia.

“L’intero territorio madonita possiede importantissimi beni culturali, spesso sconosciuti ai più, che saranno oggetto dell’interesse della nostra Associazione. Riscopriamo quell’orgoglioso senso di appartenenza alla nostra comunità che ci ha sempre contraddistinto, riappropriandoci dei nostri luoghi, soprattutto quelli meno frequentati o dimenticati: adottiamoli come posti del cuore, prendiamocene cura, attiviamo una sana circolarità di saperi, coltiviamo il desiderio di ritrovarci uniti all’insegna del recupero della Memoria collettiva e della Tradizione” conclude la Cusimano.

Il primo nucleo di membri dell’associazione è costituito dal suo consiglio direttivo che vede coinvolti: Rosario Mazzola (Vice-Presidente), Roberto Bonomo (Segretario), Cinzia Pitingaro (Tesoriere), Patrizia Spallino (Consigliere). Durante la presentazione, verranno insigniti del titolo di soci onorari dell’Associazione: Orazio Cancila, Mario Lupo, Francesco Romeo, Pietro Mazzola, Angelo Ciolino, Michele (Enzo) Sottile, Michele Spallino, Adriana Scancarello, Marinella Bonomo, Francesca Cicero, Maria Antonietta Barreca, Angela Sottile. Personalità di Castelbuono, studiosi appassionati, direttori, presidenti del Museo Civico che hanno lavorato per lo sviluppo culturale della comunità.

L’associazione si rivolge a tutti coloro che sono desiderosi di condividere la ricchezza culturale del Museo Civico, partecipando e contribuendo attivamente ad un clima culturale che Castelbuono vive già pienamente, proprio per la presenza di numerose associazioni e iniziative che coinvolgono tanti cittadini. Per aderire all’associazione “Amici del Museo Civico” sono state previste quote annuali “simboliche” di 10 euro per i soci ordinari, di 5 euro per gli under 30, gli over 65 e i soci aderenti ad altre realtà associative castelbuonesi.

La tessera associativa darà accesso a una serie di benefici, come l’ingresso gratuito e prioritario ogni giorno dell’anno al Museo Civico di Castelbuono, sconti speciali al bookshop del Museo, la possibilità di organizzare visite private guidate e di ricevere inviti a eventi e tour speciali. Tutti i soci, infine, avranno diritto a un’entrata prioritaria e gratuita per un loro ospite il giorno del proprio compleanno.

Tra le attività in programma che saranno illustrate nel corso della presentazione dell’associazione: corsi/lezioni di Storia dell’Arte contemporanea, incontri con artisti (“eccellenze” castelbuonesi del panorama artistico, culturale e musicale), corsi/workshop di fotografia, visite alla scoperta del patrimonio storico-artistico, paesaggistico e monumentale del territorio madonita, walking tour urbani, informazione sullo “stato dell’arte” (tramite la pagina Facebook dedicata all’associazione), visite a mostre ed eventi espositivi in Sicilia, in Italia e all’estero, “adozione” dei monumenti cittadini (fontane, edicole votive, chiese chiuse), tour per i Castelli di Sicilia, laboratori artistici (disegno, pittura, manufatti), laboratori didattici per la riscoperta della tecnica ad uncinetto, gli antichi ricami, i merletti, l’arte dell’intreccio e delle trame, cineforum (in partnership col CentroPolis), scambi culturali in “rete” con gli Amici del Museo diffusi in tutta Italia e in Europa.

[Foto copertina tratta da castelli.it]

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.