7 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.30
Catania

DAl 23 settembre al 4 novembre

A Catania è tempo di Bellini Festival, sei settimane a passo di musica

19 Settembre 2019

Anche quest’anno torna puntuale il Bellini Festival, il prestigioso festival musicale che ogni anno per oltre un mese e mezzo rende omaggio al compositore Vincenzo Bellini nella sua città natale, ovvero a Catania, coinvolgendo le istituzioni e i luoghi più importanti, partendo nel giorno in cui ricorre l’anniversario della sua morte, ovvero il 23 Settembre, per poi concludersi come da tradizione il 4 Novembre, alle ore 20.00.

Il Bellini Festival, fondato a Catania nel 2009 dal regista e scenografo Enrico Castiglione insieme alla Provincia di Catania (in collaborazione con il Comune di Catania, la Regione Siciliana, l’E.A.R. Teatro Massimo Bellini, l’Università degli Studi e l’Arcivescovado), verrà inaugurato il 23 Settembre alle ore 17.30 con la conferenza dal titolo “Bellini: ieri, oggi, domani”, che si svolgerà ad ingresso libero nella Sala Esedra presso il Teatro Romano, autentico gioiello della Città di Catania.

Alla conferenza, aperta al pubblico, parteciperanno illustri personalità del mondo della cultura e delle istituzioni, come il Prof. Domenico De Meo, considerato il massimo esperto mondiale dell’Opera di Vincenzo Bellini, il maestro Enrico Castiglione, con il saluto di Gioconda Lamagna, direttore del Parco Archeologico di Catania, e di varie autorita’ cittadine e regionali.

Dal 25 Settembre al 3 Novembre si svolgeranno poi una nutrita serie di concerti dedicati allo straordinario universo della melodia belliniana, presso la Badia di Sant’Agata e la Chiesa di S. Camillo dei Mercedari, con concerti ad ingresso libero (fino ad esaurimento dei posti disponibili) e a pagamento (i biglietti sono acquistabili presso tutti i punti vendita SisalPay o direttamente alla Badia di Sant’Agata), offrendo non solo alcune delle pagine più suggestive di Bellini, tratte dalle opere ma anche dal repertorio cameristico, ma anche di altri grandi operisti come Gaetano Donizetti, Gioachino Rossini, Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, e di autori vicino a Bellini come Frédéric Chopin.

Filippo Micale

La serie dei Concerti alla Chiesa Badia di Sant’Agata inizia dunque con il Concerto del 25 Settembre, ore 20.00, dal titolo “Bellini: il Principe del Belcanto”, con il soprano Gonca Dogan e il tenore Filippo Micale, accompagnati da Ruben Micieli, vincitore del Premio Liszt. In programma numerosi brani di Vincenzo Bellini, quali il “Salve Regina”, “Vaga luna”, “Tantum ergo e Genitori”, “la ridondanza”, “O Souvenir”, “Pange lingua”, ma anche “Sorgi o padre” dalle opere Bianca e Fernando, “Col sorriso d’innocenza… oh Sole!” da Il pirata, “Meco all’altar di Venere”, “In mia man alfin tu sei” e “Casta diva” dalla Norma, “Amo ed amata io sono” dalla Zaira, ma anche brani come “Panis Angelicus” di César Franck e “Agnus Dei” di Georges Bizet.

Il 10 Ottobre, sempre alle ore 20,00, il Concerto “Bellini in Love” dedicato alle grandi eroine di Vincenzo Bellini, con il soprano Marzia Catania, accompagnata al pianoforte da Stefano Sanfilippo, con in programma celebri arie tratte dalle opere più celebri come: “Qui la voce sua soave” da I puritani, “”Ah, non credea mirarti” dalla Sonnambula, “Eccomi in lieta vesta” dai Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini, “Una voce poco fa” dal Barbiere di Siviglia, “Quel guardo il cavaliere” dal Don Pasquale e “Prendi per me sei libero” dall’Elisir d’amore di Gaetano Donizetti, “E’strano” da La traviata di Giuseppe Verdi e “Je veux vivre” da Romeo et Juliette di Charles Gounod.

Bing Bing Wand
Bing Bing Wand – soprano

Il terzo Concerto, sempre alla Badia di Sant’Agata alle ore 20.00, è in programma il 15 Ottobre e porta il titolo “Bellini & Chopin”: si tratta di un incontro concerto, un viaggio dentro le relazioni musicali tra Bellini e Chopin, due principi della melodia, comparando creazioni che evidenziano profonde affinità nello sviluppo delle rispettive linee melodiche e nelle strutture armoniche nelle arie cameristiche per canto e piano di Bellini e in alcuni Notturni di Chopin, con la partecipazione straordinaria del soprano cinese Bing Bing Wang.
Il 24 Ottobre, sempre alle ore 20.00 alla Badia di Sant’Agata, il Concerto intitolato “Vaga luna”, con il soprano Angela Curiale e il baritono Giovanni Di Mare, accompagnati al pianoforte da Giovanni Raddino per un ennesimno programma molto ricco che comprende, tra gli altri, arie come “Vaga luna”, “Malinconia ninfa gentile”, “Ombra di Filide” di Vincenzo Bellini , ma anche arie di Pier Francesco Paolo Tosti, “Musica proibita” di Gastaldon e arie di Gaetano Donizetti, Gioachino Rossini e Giacomo Puccini.

Il 28 Ottobre, alle ore 19 presso la Chiesa di S. Camillo dei Mercedari, il Concerto del pianista Gianfranco Pappalardo Fiumara, con un imponente programma che comprende alcuni Piccoli pezzi e la Sonata il sol maggiore di Bellini insieme alla Fantasia dai Puritani di Thalberg, la Suite il la maggiore di Carl Philippe Emanuel Bach, la Fantasia in re minore di Mozart, i cinque Pezzi opera postuma di Chopin e la Sonata op. 27 n. 2 “Al chiaro di luna” di Beethoven.

Enrico Castiglione
Enrico Castiglione

Il 31 Ottobre, si torna alla Badia di Sant’Agata, sempre alle ore 20.00, con il Concerto dei finalisti del “Vincenzo Bellini World Opera Competition”, il prestigioso Concorso Bellini organizzato direttamente dal Festival Belliniano, al quale parteciperanno cantanti provenienti da ogni parte del mondo. Il Concerto, durante il quale anche il pubblico determinerà il proprio vincitore, offrira’ i brani più celebri dalle opere di repertorio non solo di Bellini, ma dei grandi operisti e vedra’ la partecipazione della pianista Eugenia Tamburri. Il programma ovviamente sara’ rivelato nel pomeriggio dello stesso 31 Ottobre, in base alle scelte della giuria.

Il 3 Novembre tocca al mezzosoprano Sonia Fortunato cantare alcune delle arie più belle scritte da Vincenzo Bellini, accompagnata al pianoforte da Stefano Sanfilippo: alle ore 17.30, presso la Badia di Sant’Agata, per il Concerto intitolato “Se non m’ami più”. In programma arie di Bellini come “Ma rendi pur contento” e “Dopo l’oscuro nembo” da Adelson e Salvini, “Ah se non m’ami più” dalla Straniera, “Se Romeo t’uccise un figlio” da I Capuleti e i Montecchi, “De proteggimi oh Dio” dalla Norma.

Per tutta la giornata del 3 Novembre anche quest’anno si svolgerà l’atteso appuntamento della “Maratona Belliniana” con proiezioni di film e documentari affidate al critico cinematografico e storico del cinema Franco La Magna, presso l’NH Bellini Centro in Piazza Trento: in programma alle ore 10,30 la Norma (2005) di Boris Airapetian, secondo film-opera tratto dalla produzione del “Cigno” catanese, interamente girato in esterni ad Everan (Armenia), città natale del regista, con interpreti, Hasmik Papian (Norma), Gegam Grigorian (Pollione), Varduhi Khachatrian (Adalgisa), Mikhail Ovakimian (Oroveso), Alla Avetisian (Clotilde) e Varuzhan Martirosian (Flavio); alle ore 12,45 “Nei luoghi del melodramma.

Infine, il tradizionale Concerto Straordinario quest’anno per il 218 anniversario della nascita di Vincenzo bellini, in programma il 4 Novembre 2019, alle ore 20.00, nella maestosa cornice del Duomo di Catania. Ad esibirsi l’Orchestra da Camera Vincenzo Bellini/Festival Belliniano sotto la bacchetta di Pier Paolo Maccarone, con protagonista un’interprete d’eccezione il mezzosoprano Geraldine Chauvet e il tenore Ragáa Eldin in un programma “top secret” che sara’ annunciato nell’imminenza del Concerto, quest’ultimo come da tradizione ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Locandina Bellini

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.