20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.34
Palermo

il 29 e il 30 giugno

A Palermo il “Festival delle culture”: due giorni di musica, mostre e dibattiti

22 Giugno 2019

Approda a Palermo il “Festival delle culture”, due giorni di musica, mostre e dibattiti per parlare di inclusione e diritti civili. Nell’ambito del progetto “Hostis-Hospes. Connecting people for a Europe of Diversities”, finanziato dal programma europeo: Diritti, Uguaglianza, Cittadinanza, nasce l’idea di regalare alla città un fine settimana di suoni, danze, colori e sapori dal mondo.

Il Festival sarà ospitato a Palermo il 29 e il 30 giugno in via Ponte di mare 49, all’interno della Casa della Cooperazione, un bene confiscato alla mafia affidato al Ciss (Centro di Cooperazione Internazionale sud sud) e sarà organizzato con la collaborazione dell’Associazione Quarto Tempo che da anni opera nel settore socio-culturale del capoluogo siciliano.

Un viaggio interattivo e coinvolgente attraverso i sapori , i colori e le tradizioni dei popoli del mondo.

Tanti i concerti, le esposizioni fotografiche, le danze, le degustazioni gratuite dei cibi dal mondo e gli spettacoli per ragazzi che animeranno gli spazi della Casa di fronte al mare, in una due giorni tutta da vivere attraverso un unico filo conduttore: la ricchezza delle differenze.

Il programma, fitto di eventi, prevede per il 29 giugno tra gli altri il concerto live di Doudou Diouf, un racconto bellissimo attraverso le melodie, da lui composte, della cultura africana, passando dal Senegal al Mali, alla Guinea alla Costa D’Avorio.

Il 30 giugno sarà la volta di Alessio Alessandra in un duo di teatro e canzone, a seguire i Mantropìa, una realtà musicale che ama giocare con l’orecchio di chi li ascolta proponendo in chiave del tutto originale arrangiamenti che sono delle vere e proprie chicche. Dallo Swing al Jazz, dal Funky al Rockabilly passando anche per il Soul, sono un quintetto di elementi che emana brio in ogni occasione.

Un fine settimana all’insegna dell’arte e della cultura dedicate a tutti coloro che credono che un mondo senza barriere né frontiere possa esistere. L’ingresso al Festival delle culture è libero.

 

PROGRAMMA

Sabato 29 Giugno

Ore 17.00

Apertura attività e inaugurazione spazi espositivi e mostra fotografica.

Ore 17.30

Presentazione Evento e proiezione documentario sui Balcani con il collettivo Gipsy kokè

Ore 19.30

Degustazione Arabo Palestinese a cura di Al Quds-La casa della cultura araba

21.00

Concerto Live Doudou Diouf – Musica tradizionale dell’Africa Occidentale (Senegal)

A seguire: danza giamaicana a cura di Giorgio Lopes, Liliana Di Cristina e Alessandra Gelardi.

22.30

Pacha Kama – Folk Sudamericano(Italia-Argentina)-

Alle 24.00 , DJ set world music con Dj Ajde -Davy Deglave (Francia) .Vibrazioni giamaicane & elettroniche alle terre cubane e dei Balcani. Ska, balkan, afro, world music, boogaloo, rock, funk, dub, reggae, elettronica

Domenica 30 Giugno

17.00 – 19.00

Animazione per bambini e ragazzi a cura di Pietro Tutone dal titolo “Fantasia, il teatro che unisce. Teatro e movimento creativo.”

19.30

Degustazione Mediterranea

Alessio Alessandra duo – musica d’autore e teatro-canzone. (Italia)

 

21.00

Esibizione della “Compagnia di ballo popolare” accompagnata da Valentina Gnizio, tamburo e voce e Fabrizio Augugliaro fisarmonica (Sicilia-Puglia)

Ore 22.30

Mantropia – Swing, Jazz, Funky, Rockabilly

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.