14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.41

diversi i punti discussi

A Palermo il primo incontro dell’Assemblea delle Consulte Giovanili Siciliane

15 Aprile 2019

Nella giornata di oggi, lunedì 15 aprile 2019, si è riunita la prima seduta dell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea delle Consulte Giovanili Siciliane a Palermo nella sala Pio la Torre.

Approvati tutti i punti all’ordine del giorno. La seduta ha avuto una partecipazione attiva e la discussione ha accentuato sin da subito particolari tematiche inerenti alle politiche giovanili. Si darà avvio ad uno statuto guida per i comuni e per le future Consulte siciliane dando slancio, serietà e un assetto istituzionale con chiare competenze.

Saranno nominati i nuovi coordinatori provinciali dell’Assemblea che avranno il dovere di lavorare per il territorio e sostenere la nascita di nuove Consulte nei comuni. Saranno inviati a tutti i comuni l’idea di un’ordinanza per il divieto di utilizzo della plastica sia nelle spiagge che negli edifici pubblici. Si sta già lavorando con i diversi organismi culturali e turistici per avviare una proposta di legge ambientale, culturale e gastronomica.

I presenti hanno proteso un grande impegno in favore delle tematiche discusse per dare un grande segnale ai giovani siciliani – dichiara il presidente dell’Assemblea delle Consulte Alessandro Magistro i punti deliberati oggi danno già un grande segnale dell’elevato valore di questo organo e per la sua evoluzione migliorativa. Stateci vicino, insieme miglioreremo questa terra”.

L’assemblea inoltre si propone di visitare ed incontrare confindustria e gli imprenditori dei vari settori per realizzare ulteriori forme di rete e sviluppo lavorativo. Inoltre, si è già posta come grande impegno, di realizzare sulla “Valle dei Templi” il primo convegno europeo delle Consulte Giovanili, occasione per espandere la buona azione dell’Assemblea oltre i nostri confini territoriali.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.