26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09
Palermo

La denuncia dell'associazione comitati civici

A Palermo il tour della ‘cultura del degrado’: dall’università, al teatro Garibaldi, alla Palazzina Cinese

25 Dicembre 2018

Da via Ernesto Basile, alla Favorita, Palazzina Cinese, passando per le vie del centro e per periferie, l’emergenza rifiuti a Palermo non risparmia nessun quartiere.

In via Ernesto Basile – scrivono dall’associazione comitati civici Palermo La corsia dei bus provenienti dal parcheggio fra poco sarà totalmente ostruita dai sacchetti. Di fronte al bar Massaro, a due passi da città universitaria e passaggio obbligato per i bus provenienti dal parcheggio Basile. La gente non può attraversare sulle strisce pedonali ed è costretta a camminare fra le auto in transito. Questo potrebbe mettere a rischio l’incolumità dei cittadini“.

E ancora “Segnaliamo una nauseabonda discarica di rifiuti, in parte data alle fiamme, in via Ernesto Basile, all’ingresso dell’Università. Il marciapiede è impraticabile ed i pedoni sono costretti a camminare sulla carreggiata mettendo a repentaglio la propria incolumità“.

Ma no finisce qui, infatti,  sempre l’associazione denuncia il degrado e la noncuranza in cui vera il Parco della Favorita e sono sempre loro a chiedere la “rimozione della palma abbattuta, adagiatasi sulla ringhiera che delimita la villa all’interno della Palazzina Cinese con la via Duca degli Abruzzi; la rimozione delle foglie con i pericolosi aculei staccatesi dagli alberi delle palme e rimozione di quelle ancora sull’albero, tenuto conto che queste potrebbero, cadendo,  colpire chi si trova al  sotto di esse (vedi bambini che vi giocano); e la potatura delle siepi del giardino, di fronte la Palazzina Cinese, lungo la strada che conduce a villa Niscemi, trasformatosi in una selva“.

Insomma, di lavoro da fare l’Amministrazione ne ha tanto, ma la città continua a vivere in un costante stato di emergenza igienico sanitaria causata anche dai rifiuti.

LEGGI ANCHE:

Al teatro Garibaldi di Palermo: “Gli avanzi di Manifesta 12 e del suo bar”

 

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.