14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15
Palermo

La denuncia dell'associazione comitati civici

A Palermo il tour della ‘cultura del degrado’: dall’università, al teatro Garibaldi, alla Palazzina Cinese

25 Dicembre 2018

Da via Ernesto Basile, alla Favorita, Palazzina Cinese, passando per le vie del centro e per periferie, l’emergenza rifiuti a Palermo non risparmia nessun quartiere.

In via Ernesto Basile – scrivono dall’associazione comitati civici Palermo La corsia dei bus provenienti dal parcheggio fra poco sarà totalmente ostruita dai sacchetti. Di fronte al bar Massaro, a due passi da città universitaria e passaggio obbligato per i bus provenienti dal parcheggio Basile. La gente non può attraversare sulle strisce pedonali ed è costretta a camminare fra le auto in transito. Questo potrebbe mettere a rischio l’incolumità dei cittadini“.

E ancora “Segnaliamo una nauseabonda discarica di rifiuti, in parte data alle fiamme, in via Ernesto Basile, all’ingresso dell’Università. Il marciapiede è impraticabile ed i pedoni sono costretti a camminare sulla carreggiata mettendo a repentaglio la propria incolumità“.

Ma no finisce qui, infatti,  sempre l’associazione denuncia il degrado e la noncuranza in cui vera il Parco della Favorita e sono sempre loro a chiedere la “rimozione della palma abbattuta, adagiatasi sulla ringhiera che delimita la villa all’interno della Palazzina Cinese con la via Duca degli Abruzzi; la rimozione delle foglie con i pericolosi aculei staccatesi dagli alberi delle palme e rimozione di quelle ancora sull’albero, tenuto conto che queste potrebbero, cadendo,  colpire chi si trova al  sotto di esse (vedi bambini che vi giocano); e la potatura delle siepi del giardino, di fronte la Palazzina Cinese, lungo la strada che conduce a villa Niscemi, trasformatosi in una selva“.

Insomma, di lavoro da fare l’Amministrazione ne ha tanto, ma la città continua a vivere in un costante stato di emergenza igienico sanitaria causata anche dai rifiuti.

LEGGI ANCHE:

Al teatro Garibaldi di Palermo: “Gli avanzi di Manifesta 12 e del suo bar”

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.