13 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.06
Caltanissetta

Il clou della solennità, il 15 agosto

A San Cataldo per la “Festa della Madonna Assunta”

13 Agosto 2019

La nostra amata Sicilia, in ogni stagione, in particolare in estate, è ricca di feste religiose, sagre del gusto, tradizioni di un passato che diventa presente, e il nostro viaggio nel suggestivo entroterra nisseno, luogo di malìa, e precisamente a San Cataldo, per la Festa della Madonna Assunta, ne è una dimostrazione.

Prima di raccontarne i festeggiamenti, che raggiungono il clou il 15 agosto, come da nostra abitudine, qualche pillola su questa cittadina che tanto ha da dirci.

San Cataldo

San Cataldo

San Cataldo era originariamente chiamato “Casale Chaliruni”, (dal greco Kalyroon che significa “Scorro bellamente”, riferito al fiume “Salito” che l’attraversa), dai Cauloni di Calabria che vi si sarebbero trasferiti. Dopo che i normanni cacciarono gli arabi, il feudo divenne proprietà dei Barresi ma, nel 1300, a causa della ribellione di Giovanni Barresi fu concesso da Federico III, re di Trinacria, a Bernardo de Siniscalco che lo divise in due baronie: Nixima e Fiume Salato. Dopo vari passaggi il 5 luglio del 1496 passò nelle mani di Antonio Salomone e da questi  alla figlia Violante de Jaen Salomone che la portò in dote, il 24 aprile del 1549, al marito Nicolò Lancellotto Galletti. Il 18 luglio 1607, il nipote di Lancellotto, Nicolò Galletti, chiese al re di Sicilia Filippo II lo “Jus Populandi et Aedificandi” che ottenne, però, suo figlio Vincenzo, nel 1621, da Filippo III, chiamando il feudo “San Cataldo“.

Festa della Madonna Assunta

San Cataldo

Adesso penetriamo nella solennità dell’Assunzione di Maria. Fin dal IV secolo la Chiesa celebra la festa della Dormizione della Vergine, ma nel 1950 Papa Pio XII definì il dogma che “l’Immacolata Vergine alla fine della sua vita terrena fu assunta in cielo in anima e corpo”. A San Cataldo, la festa dell’Assunta si celebra, annualmente, presso la Chiesa di San Francesco “Ex-Cappuccini”. La processione, nel 1957, si svolgeva con l’urna della Vergine dormiente che, col tempo, venne sostituita da una statua lignea. Questa festa, le cui origini vengono collocate intorno alla metà del Settecento, ha inizio l’ultima domenica di luglio quando, nel pomeriggio, viene esposta l’antica statua in cera della Madonna Assunta, nella forma della «dormitio Virginis», collocata nel transetto destro del Duomo di San Cataldo.

Dal 31 luglio al 14 agosto, si svolge la “Quindicina di preghiera” in onore dell’Assunta: alle 17.30, ogni giorno, è prevista nella chiesa Madre, la recita del Santo Rosario, animato da varie realtà ecclesiali, e alle 18, dopo il canto delle Litanie alla Madonna, la Santa Messa.

Il 14 agosto, la “Vigilia della solennità dell’Assunzione di Maria“, nel pomeriggio, presso la Chiesa “ex-Cappuccini”, vengono cantate le Litanie, celebrata la Messa solenne e fatto un omaggio floreale alla Madonna.

Il 15 agosto, invece, ventuno colpi di cannone e il suono festoso delle campane annunciano la Festa dell’Assunta; alle 19.30 Messa solenne in piazza Madrice e, a seguire, la processione della Madonna per le vie principali della Città, con fuochi d’artificio finali davanti la Chiesa di San Francesco.

Viva la Madonna Assunta e la Sicilia, terra ricca di spiritualità.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.