21 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.43

prossimo appuntamento lunedì 12

A Trapani in scena Otello, dramma della gelosia vissuto tra crudeli inganni ed eleganti nudi maschili | Foto

12 Agosto 2019
'
'
'
'
'

Guarda le foto in alto

Colpo ad effetto per l’Otello di Giuseppe Verdi andato in scena a Trapani in occasione della 71a stagione lirica dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, per l’intensa rivisitazione in chiave contemporanea della tragedia shakespeariana portata in scena con la regia di Andrea Cigni.

Qui la storia viene collocata nella prima metà del Novecento, in una caserma in cui gli uomini (i soldati) animano la vita di una piccola isola dell’Egeo appena occupata, con le loro donne e i figli e alla presenza della popolazione locale. La scena è imponente, con le quinte girevoli che permettono veloci cambi di scena.

Nel primo atto il colpo registico che non ti aspetti: tre soldati fanno la doccia interamente nudi. Nel gioco del vedo-non vedo, per qualche secondo i corpi scolpiti si mostrano senza vergogna. Sia ben inteso, nessuna volgarità. Cigni usa la provocazione con eleganza e sapiente raffinatezza, e rivisita il testo shakespeariano lavorando sugli snodi psicologici che determinano la dinamica dell’ambiguo.

Interpretato da Kristian Benedikt, già veterano nel ruolo, Otello soccombe alla malvagità di un personaggio frustrato. Jago, che, portato in scena da Angelo Veccia, è vinto dall’invidia e dal livore, e desidera recare dolore e sgomento a chi gli è intorno e soprattutto a chi è più in alto di lui. La vendetta meschina di un uomo che vuole riscattare la propria mediocrità. Francesca Sassu interpreta una Desdemona forte e dolce, spinta da grande umana dignità. Desdemona e Otello, la storia di una donna e di un uomo inghiottiti dagli eventi negativi di cui sono circondati.

Gelosia, invidia, rabbia, stupidità sono solo gli elementi su cui si sviluppa il racconto di una storia d’amore dal tragico epilogo. Una drammaticità tristemente vera e attuale. Fortissimo il maschilismo che domina tutto il racconto e che passa sopra a tutto, anche a costo della vita, come la cieca crudeltà di Otello nei confronti di Desdemona.

Un Otello che, – come afferma Cigni-  è un’opera ‘fisica’ e ‘mentale’“.

Il gioco è di svelare il sentimento che si cela dietro la ragione cercando di comprendere dove portano le pulsioni, l’eros e la passione. Nel ruolo centrale di Otello il tenore Kristian Benedikt, dotato di straordinaria potenza fisica e sonora. La Desdemona di Francesca Sassu si caratterizza per un’eleganza vocale ragguardevole; ma gioca le sue carte migliori nella pagina del quarto atto con mille sfumature, colori ed emozioni. Il baritono Angelo Veccia, nel ruolo di Jago, ha affrontato un ruolo così impegnativo e complesso.

Note positive anche per il resto dei comprimari  che hanno dato vita ad ottimi quadri musicali di assieme. La direzione dell’Orchestra è di Andrea Certa, con le scene e i costumi di Tommaso Lagattolla. Il progetto luci è di Fiammetta Baldiserri.

Lunghi e calorosi applausi per tutto il cast composto da Simona Di Capua (Emilia), Tatsuya Kashi (Cassio), Marco Miglietta (Roderigo), Andrea Comelli (Lodovico), Federico Cavarzan (Montano) e Roberto Agnello (Un araldo).

Il Coro lirico preparato e diretto dal M° Fabio Modica ha dimostrato personalità interpretativa e duttilità. Degno di elogio anche il Coro voci bianche “Carpe Diem” diretto dal M° Roberta Caly.

Una sala gremita ha salutato festante e compiaciuta questa produzione. Una scelta, quella del nudo, che non mancherà di provocare clamore?

La seconda recita sarà il 13 agosto, alle ore 21.00 al Teatro open air Giuseppe Di Stefano, a Trapani.

Stasera, alle ore 21.00, al Chiostro di San Domenico a Trapani, la replica di Dido and Aeneas con la regia di Isa Traversi.

DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI – Sarà possibile acquistare i biglietti al Botteghino dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, sito in Viale Regina Margherita, 1 (all’interno della Villa Margherita), dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 19.30), online sul sito www.lugliomusicale.it.

Costo biglietti: Platinum € 40,00 – Gold € 30,00 – Silver € 18,00 – Silver ridotto € 13,00 – Economy € 12,00

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.