13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Catania

Dal 13 al 15 settembre

A Viagrande, la Sagra dei Fritti siciliani | IL PROGRAMMA

9 Settembre 2019

La nostra meta è Viagrande (CT) in cui, dal 13 al 15 settembre, presso il Parco Comunale “Aniante”, si svolgerà la “Sagra dei Fritti siciliani“. La domanda è: “Fritto, fritto delle mie brame, quale tra di voi placherà la mia fame?”

Viagrande1

Rispetto al solito, faremo un cambio di programma, tuffandoci prima nel cuore dell’evento e poi, invece, con qualche curiosità, alla scoperta di Viagrande.

In questa Sagra potrete assaggiare tutte le infinite tipologie di fritti, che l’estro siculo ha creato. Troverete stand dedicati alla preparazione di arancini, bombe, siciliane, crispelle con acciughe o ricotta, panelle, paranza di pesce, polpette di carne, verdure in pastella, tutto quanto ha fatto grande lo street food palermitano, e, ancora, iris, raviole, crispelle al miele, dolci al pistacchio, cannoli e tante altre sorprese.

Questo evento, oltre al cibo, avrà un temporary stores con manufatti artigianali handmade realizzati dagli artisti locali e prodotti commerciali, un’area food con cucina locale e prodotti tipici e un Birrificio e Wine-shop.

Insomma, bontà a 360° per valorizzare il territorio e la Sicilia tutta.

PROGRAMMA

Venerdì 13 settembre

Alle 17

Inaugurazione della “Sagra dei fritti Siciliani” con le Autorità locali

Alle 19

“International Dance Show”

Spettacolo sul palco dedicato a varie discipline di danza, con la partecipazione di: Associazione Gravina Arte, Butterfly Circus, Danz’Art, Diemme Danza, Elianto Country LineDance, I shtar, Sicania West Country Line Dance

Sabato 14 settembre

Alle 10

Intrattenimento ed animazione

Sfilata espositiva Moto Ducati a cura del Club Ducati Catania

Alle 17

Torneo di calcio balilla, a cura della Consulta Giovani di Viagrande partecipazione libera e gratuita

Alle 21

Fifty- Official Tribute Band dei Pooh in concerto dal vivo

Domenica 15 settembre

Alle 10

Intrattenimento e animazione per adulti e bambini con artisti di strada e giochi di gruppo

Alle 16,30

Laboratorio creativo a cura della Consulta Giovani di Viagrande

Alle 17

Esposizione Moto Benelli

Alle 19

Music Talent

Gara canora con artisti emergenti con la collaborazione dell’Associazione Tra Palco e Realtà

Alle 21

Grande Show finale di Sandro Vergato in “Ridiamo Allegria”

VIAGRANDE

Viagrande1

Fonte primaria per le notizie sulle origini di Viagrande è la “Monografia storica dei comuni di Nicolosi, Trecastagni, Pedara e Viagrande” scritta da Salvatore Mirone nel 1875.
“Viagrande, si vuole, che avesse preso il nome dell’antica via che conduce a Messina” scrive il Mirone, e continua “ma noi crediamo piuttosto ch’esso l’abbia preso dalla via spaziosa, che partendo da Catania, s’entra nel paese nominato Rinazzo, e dal quel tratto più spazioso ancora, che… va a finire, uscendo, alla chiesa di sant’Antonio di Padova, detto volgarmente sant’Antonino”.

Le prime notizie su Villalori e Vilardi, oggi Viscalori e Velardi, si riferiscono al 1124, anno in cui fu costruita in quella area una prima piccola chiesa. Dal XII secolo in poi lo sviluppo delle due borgate, separate l’una dall’altra e abitate da catanesi ed acesi, sembra seguire un andamento lento, ma costante malgrado la drammatica parentesi dovuta all’eruzione dell’Etna del 1408 che causò gravissimi danni alla loro economia. Dopo oltre un secolo le due frazioni si uniscono lungo l’incrocio tra la Via Regia, antica strada di collegamento tra Catania e Messina, e una importante trazzera che conduceva al mare passando per i centri abitati di Aci Sant’antonio, Aci Catena e Acireale.

In prossimità di quel crocevia, già nell’anno 1574, si hanno notizie della presenza della chiesa madre di Viagrande, dedicata alla Madonna dell’Idria. Pochi anni dopo iniziarono i lavori di ampliamento, che si conclusero nell’anno 1687. Purtroppo, appena sei anni dopo, nel 1693, la chiesa fu ridotta, da un disastroso terremoto, a un cumulo di macerie. I lavori di ricostruzione, subito iniziati, furono interrotti ben presto dal dibattito sorto per il luogo dove edificarla ma, alla fine, fu eretta nella piazza San Mauro, proprio dove è ancora oggi visibile. Intorno alla fine del XVI secolo Viagrande è ormai un centro abitato e con una sua identità ben definita.

Totò, nel film La banda degli onesti, diceva: “A volte è difficile fare la scelta giusta perché o sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame“, in questo caso la seconda possibilità vincit.

Buona Sagra dei fritti siciliani a tutti.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Grazie a Dio è Venerdì Jean-Jacques

Ho seguito la politica sui mezzi di comunicazione informatica fino al suggello dell’esito della crisi, attraverso i social e mi sono fatto un po' di domande sulla loro infallibilità. Ci si può fidare un "computerone"? È vera la completa assenza di un moderatore fisico in grado di influenzare e ribaltare le scelte del sistema informatico.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.