13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.31
Palermo

sabato 22 alle 16

“Acquista un tasto”, Coop Alleanza 3.0 dona un pianoforte al Conservatorio di Palermo

21 Giugno 2019

Suonare un grande strumento può essere uno stimolo in più per crescere e migliorare. Con questo spirito, pur in tempi di ristrettezze finanziarie per le istituzioni culturali del nostro Paese, il Conservatorio “Alessandro Scarlatti” di Palermo aveva avviato la campagna “Acquista un tasto per i nostri allievi”: una raccolta fondi rivolta ad aziende, associazioni e privati cittadini, a cui era stato chiesto di acquistare simbolicamente uno degli ottantotto tasti del pianoforte, un “gran coda” costruito da Steinway & Sons, una delle maggiori case costruttrici di pianoforti, la più affermata in ambito concertistico a livello mondiale.

I soci palermitani di Coop Alleanza 3.0 sono stati tra i primi ad aderire, con un contributo di 2.000 euro. Per questo domani alle ore 16 è previsto al Conservatorio (via Squarcialupo, 45) un evento musicale, “Pianisti in sala Scarlatti”, nel corso del quale il presidente dell’istituto Gandolfo Librizzi consegnerà un riconoscimento al presidente del consiglio di zona Soci Coop Alleanza 3.0, Agostino D’Amato.

“I nostri soci hanno sostenuto con entusiasmo questa iniziativa – dice Giovanni Pagano, coordinatore Politiche Sociali area Sud di Coop Alleanza 3.0 – come era avvenuto lo scorso anno quando abbiamo finanziato per l’istituto comprensivo Russo Raciti a Borgo Nuovo il restauro di un altro pianoforte, assai meno prestigioso ma non meno importante, perché necessario ad avviare un corso di musica per i bambini in un quartiere difficile e allo stesso tempo ricco di risorse. Contribuire al benessere e allo sviluppo, anche culturale, dei territori in cui opera è uno dei valori fondanti della nostra Cooperativa”.

“Abbiamo voluto offrire ai nostri allievi uno strumento all’altezza delle loro più elevate ambizioni artistiche e professionali – afferma Gandolfo Librizzi, presidente del Conservatorio Scarlatti (già Vincenzo Bellini) – una grande opportunità anche per i docenti, per i quali avvalersi di un grande pianoforte può costituire un ulteriore stimolo a dare il meglio di sé.”

Gli allievi del Conservatorio (nell’ordine, Elisa Comito, Alessandro Ammirata, Luciana Sacco, Pietro Scelsi, Alessio Esposito, studenti dei maestri Rosangela Mangiapane, Gennaro Pesce, Ranieri Schicchi, Donatella Sollima ed Enza Vernuccio) domani si esibiranno con il nuovo pianoforte, permettendo al pubblico di apprezzarne oltre alla bellezza le straordinarie sonorità; l’ingresso è libero sino ad esaurimento dei posti.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.