20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57

Silenzio sul Ponte sullo Stretto e Catania-Palermo

Addio alla Tav, l’analisi costi-benefici boccia il progetto. E la Sicilia resta in attesa…

12 Febbraio 2019

L’attesa analisi costi-benefici della TAV Torino-Lione è approdata a Palazzo Chigi. Il verdetto è impietoso: secondo gli esperti la linea ferroviaria ad alta velocità tra Italia e Francia sarebbe solo un enorme spreco di soldi pubblici. Nello specifico si parla di una sproporzione di costi di almeno 5,7 miliardi rispetto ai benefici e con l’ipotesi che il divario arrivi fino a 8 miliardi.

LEGGI QUI la relazione sulla TAV

Lo scontro nel Governo tra Lega e 5 Stelle sembra dunque ormai alla svolta: il dossier commissionato dal ministro dei Trasporti Danilo Toninelli dovrebbe mettere la pietra tombale sulla grande opera, fortemente sostenuta, invece, dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

di-maioE in Sicilia? Pochi giorni fa il vicepremier Luigi Di Maio aveva parlato di una non ben definita TAV Catania-Palermo, esprimendo il suo impegno per portare l’alta velocità ferroviaria nell’Isola.

In attesa di scoprire le idee e i progetti del Governo giallo-verde per recuperare il forte gap infrastrutturale Nord-Sud, c’è chi – ad ogni campagna elettorale – rispolvera ancora la questione del Ponte sullo Stretto. Anche lì sarebbe necessaria una valutazione costi-benefici per chiudere definitivamente un discorso che i siciliani sono stanchi di dover sentire.

Le strade colabrodo, il viadotto Himera ancora non ricostruito, le autostrade della vergogna (A18 e A20), le ferrovie ancora da terzo mondo con troppe tratte a binario unico, treni spesso in ritardo, collegamenti aerei dai costi spropositati per i siciliani, e porti ancora non efficienti sul piano logistico, dovrebbero spingere la politica a fare meno chiacchiere e più fatti. 

Le parole ormai stanno a zero: la Sicilia non ha bisogno di opere faraoniche o promesse impossibili. Solo di normalità e continuità territoriale.

 

LEGGI ANCHE:

L’annuncio di Di Maio: “Faremo la Tav Catania-Palermo”

Ponte sullo Stretto: “Toninelli istituisca commissione costi-benefici”

L’ultima dei 5 Stelle: Palermo-Catania in treno in dieci minuti

Il sondaggio Swg: Italiani favorevoli alle grandi opere. Bocciato solo il Ponte sullo Stretto

Il ministro Toninelli arriva in Sicilia: “Ferrovie da terzo mondo, ci rimboccheremo le maniche”

Strade vergognose in Sicilia: “E le promesse di Toninelli? Serve commissario straordinario per la viabilità”

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.