11 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.30

Aeroporti siciliani, Attinasi (Assoimpresa): “Serve gioco di squadra, non si escluda nessuno”

20 Settembre 2019

Lo sviluppo del turismo in Sicilia passa necessariamente dagli aeroporti, vera porta di accesso alla nostra regione, per questo è fondamentale un gioco di squadra tra tutti gli scali dell’Isola. Creare sinergie e fare sistema è l’unico modo per offrire servizi all’altezza“.

Lo dice il presidente di Assoimpresa, Mario Attinasi, commentando la riunione tra le società che gestiscono gli scali di Catania, Comiso e Trapani.

La Regione svolga un ruolo di regista e coinvolga tutti gli scali senza esclusioni – aggiunge Attinasi – Solo così si può rendere competitivo un sistema vitale per le imprese e la nostra economia“.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.