16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Palermo

LE DICHIARAZIONI DI RAFFAELE LANTERI E CARMELO URZI'

Aggressioni negli ospedali, UGL: “In corsia c’è chi rischia la pelle mentre a Roma si litiga per le poltrone”

28 Agosto 2019

Raffaele Lanteri e Carmelo Urzì, rispettivamente segretari regionali delle federazioni Ugl medici e Ugl sanità Sicilia, intervengono sugli episodi di violenza e vandalismo accaduti negli ultimi giorni all’ospedale Civico e all’ospedale Ingrassia di Palermo.

Ogni giorno medici e personale sanitario che operano nelle strutture pubbliche rischiano seriamente la pelle a causa delle aggressioni di cui sono vittime indifese, mentre a Roma nella totale indifferenza la politica continua a litigare per spartirsi poltrone ed incarichi. dichiarano i due rappresentanti sindacali – Tutto questo ha già ampiamente travalicato i confini dell’intollerabilità, oltrepassando anche quelli della vergogna, perché da oltre un anno come sindacato dei lavoratori chiediamo misure drastiche per il contrasto alla violenza nei confronti di medici ed infermieri, in particolare, ma non abbiamo visto muoversi quasi nulla“.

Intanto – proseguono i due membri dell’Ugl Sicilia – solo negli ultimi 10 giorni sono stati oltre 6 i casi più evidenti che da sud a nord sono balzati agli onori della cronaca. Ed è ancor più grave che questo avvenga nel totale disinteresse del mondo politico e, soprattutto, di quel Ministro della salute il cui silenzio assordante suona più come un segnale di sconfitta e di incapacità, che di mancanza di tempo per approvare quelle norme indispensabili per proteggere gli operatori della sanità pubblica“.

Bastava infatti poco per garantire quantomeno una svolta netta, – dichiarano Lanteri ed Urzì – incrementando drasticamente le pene e aumentando il livello di vigilanza sia a livello tecnologico che fisico, per provare ad assicurare maggiore protezione in corsia e nei pronto soccorso. Anche il nostro appello all’impiego agli ingressi dei nosocomi dell’Esercito, con una simbolica ma efficace operazione “Ospedali sicuri”, è ormai caduto nel vuoto“.

“E’ chiaro quindi che il mantenersi di questo vuoto normativo e operativo, lascia indubbiamente libere le persone di fare ciò che vogliono. Intanto negli ospedali i medici e le unità di personale sanitario sono sempre di meno, visti i pensionamenti ed il mancato turn over, ma ancor di più impauriti dall’idea di recarsi in un lavoro che appare più essere una trincea che un luogo di cura. Ai nostri colleghi va tutta la nostra solidarietà e vicinanza, con la consapevolezza che la battaglia continua tant’è che già da oggi chiediamo a chiunque prenda in mano le sorti del paese di guardare a ciò che sta accadendo negli ospedali ed imprima con assoluta priorità quella svolta deterrente che non può più essere procrastinata, prima che ci scappi il morto“, concludono i due rappresentanti sindacali.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.