17 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.58
Trapani

a Calatafimi Segesta

Agricoltura, monta la protesta degli operatori nel Trapanese

28 Marzo 2019

Si alza il fronte della protesta degli agricoltori siciliani che sabato 6 aprile a Calatafimi Segesta (Tp), presso la biblioteca comunale, si riuniranno per affrontare la questione “agricoltura”.

Oggi il settore agricolo e zootecnico infatti vive in una drastica situazione di crisi che porta le aziende del settore a prestare la propria opera non riuscendo nemmeno a coprire i costi di produzione. Dopo l’incontro di Santa Caterina Villarmosa (Cl) a cui hanno partecipato più di 40 sindaci siciliani, fra cui il primo cittadino di Calatafimi Segesta, i sindaci di Caltanissetta, Messina e di tanti altri centri importanti della Sicilia, che hanno sottoscritto un documento unitario da ratificare nelle diverse Giunte e Consigli comunali. Anche nel Belice gli agricoltori hanno protestato per le strade della provincia a bordo dei propri mezzi agricoli.

Una situazione tragica che vede il comparto in ginocchio, una crisi che si protrae da anni, una grande anomalia economia che non dà il giusto merito ai prodotti siciliani riconosciuti nel mondo come eccellenze.

Il movimento spontaneo “Agricoltori Siciliani Riuniti” tramite l’attivista e imprenditore agricolo Salvatore Calderaro ha dichiarato che “la situazione agricola siciliana è al collasso. Assieme ai nostri sindaci chiediamo alle istituzioni regionali e nazionali di avviare una seria e attenta politica agricola che dia agli operatori del settore un prezzo minimo garantito tramite delle azioni che limitano l’ingresso sul suolo italiano di prodotti di dubbia provenienza nell’ottica di salvaguardare l’economia e soprattutto la salute pubblica”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.