16 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 17.55
Il voto nei territori

Agrigento: ieri terra di Cuffaro e Mannino, oggi patria dei 5stelle

14 novembre 2017

Fino a dieci anni fa politicamente, per nomi, consistenza e peso specifico, Agrigento era la prima provincia della Sicilia. Cuffaro, Alfano, Capodicasa, Scalia erano solo alcuni dei nomi dei principali big di riferimento che occupavano la scena nazionale e quella siciliana. Completavano la schiera europarlamentare (Iacolino), manager e dirigenti di peso.

A una tale visibilità e a una cosi specifica origine di rappresentanza di rilievo però non ha corrisposto un adeguato e proporzionale sviluppo del territorio, dalla viabilità alle reti idriche, dai Comuni carichi di passività a un rilancio produttivo del tessuto economico e sociale che langue, come in molti altri territori della Sicilia.

Fa eccezione il Parco archeologico di Agrigento della Valle dei Templi, una delle realtà più importanti del patrimonio culturale siciliano, da cui potrebbe ripartire il governo regionale che va a insediarsi, a caccia di spunti e di buone notizie da dare ai siciliani.

Oggi il quadro dei nomi di riferimento della politica nell’Agrigentino è profondamente mutato. Su sei dei seggi da assegnare (rispetto al totale dei 70 nuovo magic number dell’Ars) due sono andati ad esponenti del Movimento 5 stelle, Mangiacavallo e Di Caro.

Il primo ha sfondato il numero dei 14mila voti. A Sciacca ha conseguito un risultato personale da fare impallidire il ricordo dei voti che prendeva Calogero Mannino, ex ministro Dc, non proprio l’ultimo arrivato. Un voto torrenziale e di territorio. Di protesta e di proiezione.

È rimasto fuori Michele Cimino di “Sicilia Futura”, deputato da 20 anni, ed Enzo Fontana, alfaniano ex presidente della Provincia di Agrigento.

Il processo di rinnovamento della classe dirigente è imposto nei fatti dal voto del 5 novembre scorso.

Non è un fatto casuale che nella terra di Mannino e di Cuffaro, i ‘grillini’ abbiano potuto piazzare un exploit di assoluto rilievo. Ci si interroga sempre troppo poco di fronte alle evidenze che rivelano la fine di un’epoca.

Oggi Forza Italia vorrebbe lanciare Vincenzo Giambrone, agrigentino, tra gli assessori, e non mancherà a Musumeci l’occasione per dare un segnale forte anche in questo territorio.

L’arresto di La Gaipa, del M5s, primo dei non eletti, è un fatto di cronaca nella successione dolorosa del rosario di fatti e misfatti che in Sicilia caratterizza il voto dei Siciliani. A ogni vicenda va la sua cornice senza dimenticare che se la rappresentanza è malata, non lo sono di meno coloro che la esprimono.

Ad Agrigento il futuro è già cominciato. Comunque.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...