24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.55

Agroalimentare, il crescente interesse delle aziende siciliane per Singapore

24 Gennaio 2018

Da giorni riceviamo interesse da parte di aziende dell’agroalimentare per Singapore. Ma la città-stato, oltre che per la canzone del 1972 dei ‘Nuovi Angeli’, non dovrebbe, a ragione, suscitare particolare interesse nel mondo del business, essendo un micro-stato da 5,6 milioni di abitanti: poco più della Sicilia, meno della metà di Mosca, lo 0,4% degli abitanti della Cina.

Singapore, in realtà, si distingue per il suo PIL pro-capite, simile a quello delle capitali europee e per la popolazione cosmopolita che detta le mode in tutta l’Asia. Questi elementi contribuiscono renderla la New York del Sudest asiatico.

Inoltre, Singapore è seconda nella classifica sulla facilità di fare business; l’Italia è 46°. Se ciò non bastasse, i singaporiani sono consumatori sofisticati, alla ricerca di prodotti ad alto valore aggiunto: qualità, sicurezza alimentare, genuinità e biologico sono ormai diventate componenti essenziali per questo mercato.

Il brand Sicilia è il più riconoscibile tra i regional brands italiani. Esso ha una connotazione, data dai romanzi di M. Puzo, i film di F.F. Coppola e le pubblicità di D&G, che lo rende, in contesti lontani, forte come un brand nazionale. Sicilia nel Far East è associato ai concetti di famiglia, tradizione e genuinità, ma non a precisione e innovazione.

Nel 2016 Singapore ha importato cibi e bevande per 7,7 miliardi di euro, di questi solo 76 milioni arrivavano dall’Italia. Lo spazio per il Made in Italy è ampio e ne è una conferma il fatto che questo comparto cresca con una media del +40%. In più si registra una crescita della quota siciliana nelle esportazioni italiane di alimenti nel mondo, che dal 11% potrebbe arrivare al 18-20% nel 2020.

Il rischio nel mercato singaporiano è la concorrenza di chi è arrivato prima nella fascia di prodotti d’eccellenza: Francia e Gran Bretagna. D’altro canto, il fattore che più invoglia a scegliere Singapore è che il 75% degli abitati è ricco. Nel 2007 le importazioni di fascia medio-alta erano il 31% del totale e oggi sono il 54%.

Il mercato potenziale a Singapore per un prodotto Made in Sicily, vale oggi di 16 milioni di euro e nel 2020 potrebbe arrivare a 40-50 milioni. Che cosa serve per arrivare a questo piccolo miracolo?

Che la Commissione Europea metta tra le sue priorità la ratifica dell’accordo di libero scambio con Singapore, già concluso nel 2014, che darebbe accesso facile a quasi tutti i prodotti e riconoscerebbe 196 Indicazioni Geografiche europee (49 italiane, di cui 4 siciliane: Pomodoro Pachino; Cappero di Pantelleria; Arancia Rossa di Sicilia e il Vino Sicilia).

Che gli imprenditori prendano il coraggio a due mani, investano il giusto, collaborino fra loro e con chi può aprire nuovi mercati e, nel frattempo, si concentrino a continuare a produrre capolavori enogastronomici. Noi siamo disponibili ad approfondire la questione, contattateci a ms@nearco.eu

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.