22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.19
Messina

L’iniziativa decolla in occasione della Festa della donna

Al Museo Interdisciplinare Regionale di Messina l’iniziativa “Posto occupato” dedicato alle donne vittime di violenza

7 Marzo 2019

Il MuMe, Museo Interdisciplinare Regionale di Messina, confermando gli obiettivi di impulso di crescita sociale e culturale del territorio, aderisce al Progetto Nazionale dedicato alle donne vittime della violenza di genere, riservando un Posto Occupato nelle sale museali.

L’iniziativa decolla in occasione della Festa della donna, il prossimo 8 marzo, quando peraltro sarà assicurato l’ingresso gratuito alle donne, come disposto dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana, per tutta la giornata (orario di apertura 9/18,30).

Il Posto Occupato sarà allestito davanti al dipinto La Strage degli Innocenti, databile fra il 1609 e il 1610, del messinese Alonzo Rodriquez.

La scelta dell’opera, proposta dal direttore della struttura museale Caterina Di Giacomo e condivisa per il forte impatto emozionale da Maria Andaloro, ideatrice della significativa e importante iniziativa, che ha riscosso in sede nazionale e internazionale numerosi e qualificati consensi, è motivata dal reiterarsi, nella storia dell’umanità, di episodi che sottolineano il destino delle donne, sovraesposte per la maggiore vulnerabilità fisica alla violenza, cui si oppongono con la forza della disperazione, per difendere la propria dignità e la stessa esistenza, o come nel fatto evangelico narrato con crudezza ed efficacia dal pittore caravaggesco, per proteggere i figli, fino all’estremo sacrificio.

Il dipinto esposto in una delle sale nell’area caravaggesca, transitò al Museo Civico Peloritano dalla chiesa dei Santi Elena e Costantino, distrutta nel 1849. La cruente incisività della narrazione convinse il Longhi ad attribuire la tela ad Artemisia Gentileschi, le cui formule non dovettero comunque passare inosservate al Rodriquez (1568 ca-1648), cui oggi si riporta concordemente l’attribuzione.

Se è certa una formazione del pittore nell’ambiente messinese tardomanieristico, nonché una permanenza a Roma nei primi anni del XVII secolo, è altrettanto consolidata l’opinione di un suo rientro in città in tempo per assimilare gli effetti dirompenti dell’arrivo di Caravaggio, su una naturale propensione per il realismo, suggestionato dagli accenti luministici di marca nordica.

Sue molte opere esposte al Museo, ispirate ai capolavori del grande lombardo, mentre è collocato nella sala Giunta del Municipio l’affresco staccato con il Cenacolo eseguito nel 1617 nel refettorio del Convento di S.Maria del Gesù Inferiore.

Venerdì 8 marzo, ore 9-18,30, ingresso gratuito per le donne.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.