18 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 16.10
Palermo

Lo spettacolo tratterà il tema dei giovani che vanno via da questa terra alla ricerca di un lavoro

Al teatro Brancaccio in scena una pièce che rende omaggio alla Sicilia

13 febbraio 2018

Si racconterà della Sicilia e delle emozioni che solo quest’isola sa donare con “Cara Sicilia”, la pièce teatrale diretta dal giovane Damiano Bonanno che andrà in scena al teatro Brancaccio di Palermo (via San Ciro, 15) venerdì 16 e sabato 17 febbraio, alle ore 21:30.

Cara Sicilia” è anche un vero e proprio spettacolo che unisce i testi alla musica e alle danze, e attraverso cui si porta in scena una tematica, purtroppo, di grande attualità che vede tanti giovani andar via da questa terra alla ricerca di un lavoro, e quindi di un futuro migliore. È quanto accade al giovane protagonista, interpretato da Damiano Bonanno che, tra tradizione e modernità, aprirà il suo cuore e parlerà dell’amata terra che sta per lasciare. Una Sicilia che apparirà in tutta la sua bellezza raccontata con passione e romanticismo, tra sorrisi e riflessioni, attraverso gli occhi e il cuore di un ragazzo consapevole della sua scelta.

La pièce teatrale si arricchisce della partecipazione di Carlo D’Aubert, attore e Direttore artistico del teatro Brancaccio, dei brani musicali a cura di Roberto Mastrilli e Chiara Radosta, e delle performance degli artisti Danila Di Simone e Pietro Mistretta. Inoltre, danzeranno le ballerine Giulia Fabra e Martina Trapolino con le coreografie di Clara Congera.

L’idea è nata per puro gioco un giorno d’agosto – spiega il regista Damiano Bonannoquando presi la decisione di girare tutta la Sicilia per poter trovare ogni spunto possibile per farne poi uno spettacolo. In due settimane sono riuscito a raggiungere quasi tutte le province siciliane e così, già dal mio ritorno, sono nate le prime due idee di “Cara Sicilia”. Una cosa che non dimenticherò mai – conclude – è stato il rapporto con la gente, per strada, da cui ho attinto informazioni e curiosità che si incastravano perfettamente col lavoro che cercavo di portare avanti”.

Info e prenotazioni: 331.8487559.

 

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...