21 settembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 18.25
Dopo lo shock delle feste, evitare grassi e fritture

Tre settimane per ritrovare la forma perduta con tisane e minestroni

7 gennaio 2017

Gigi MangiaLa Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte, vien vestita da Befana, Viva, Viva la Befana.…e alla fine tutte le feste si porta via…

Sicuramente si porta via le vacanze e i cenoni, le giocate, le grandi bevute e le grandi mangiate e allora TUTTI impegnati a recuperare, vorremmo dimagrire in giornata, ma il freddo che incalza, ci spinge a mangiare ed a bere qualche bicchiere ancora, allora che fare ?

Ripartiamo dalle verdure, dai legumi, dalle zuppe, dalle minestre. Potremo usare le spezie, il peperoncino,  la curcuma, lo zenzero, ma niente grassi animali, poco olio e niente fritture, ma soprattutto vediamo di consumare almeno cinque pasti al giorno per mantenere sempre attivo il nostro metabolismo. Consumiamo un paio di tisane al giorno,  una depurativa e l’altra drenante e non eccediamo col caffè.

Importantissimo : almeno venti minuti al giorno dedicati alla ginnastica o a passeggiate  a buon ritmo. Seguendo questi consigli in poco più di tre settimane recupererete la Vostra forma fisica e acquisterete serenità e sicurezza in voi stessi.

Adesso una  ricetta per un menù salutista.

Ingredienti: 2 carote / 1 gambo di sedano / 4 zucchine /1 porro / 1 cipolla bianca / 1 manciata di fagiolini (se non sono italiani non li metto) / 1 mazzo di bietole / 1 manciata di spinaci / 1 mazzo di boragini (le foglie esterne di una lattuga) / 1/4 di cavolo / 1 fetta di zucca / 1 manciata di piselli freschi / 5-6 cucchiai di lenticchie / 80 g di secchi / 2 mazzi di basilico / pinoli / olio /  maltagliati, ditali o spaghetti spezzati

Mettete a bagno fagioli e lenticchie per una notte. Il giorno dopo pulite le verdure, e tagliatele a pezzi. Mettete sul fuoco un grosso pentolone d’acqua (circa 7-8 l) e quando bolle buttate le verdure e le lenticchie. Coprite per riportare al bollore, dopo di che, togliete il coperchio e fate cuocere a fiamma bassissima per un paio d’ore. Fate intiepidire e passate le verdure, potete anche frullarle ma io le preferisco al passaverdure. Sciacquate i fagioli, aggiungeteli alle verdure e riprendete la cottura sempre a fuoco bassissimo, col coperchio a metà, per almeno altre 2 ore e mezza; ricordate sempre che i fagioli hanno bisogno di una lunghissima e dolcissima cottura affinchè vengano eliminate le lectine, gli inibitori dell’ alfa-amilasi e le saponine. A questo punto il minestrone è pronto, aggiungete  sale e olio di frantoio e potreste anche servire così. Se però fate come me vi assicuro che non potrete più tornare indietro!!!! Pulite il basilico e frullatelo con i pinoli e l’olio  di frantoio, fate il pesto in poche parole. In un pentolino mettete il minestrone calcolando più o meno 2-3 mestoli a persona. Quando bolle aggiungete la pasta (50 g a persona) tipo ditali o spaghetti spezzati o se vi piace del riso, mescolando accuratamente. Quando la pasta è quasi cotta mettete il pesto,1 bel cucchiaio colmo a persona, mescolate, spegnete il fuoco e lasciate riposare qualche minuto,  sentirete che profumo e  buon appetito !

Il Vostro #cuocoperamico

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Uno dei migliori posti in circolazione
Carissimi, considerate un grande concorso che si svolge con periodica cadenza nel quale una pletora di candidati con il solo titolo di cittadinanza e diritti civili integri partecipa per la vincita di uno dei migliori posti di “lavoro” oggi in circolazione
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Sarà vero che chi parte non torna più?
E arriveranno i ricordi e le strade bagnate, come carezze gentili sulle strade di Brest. Sarà bello tornare ad essere abbracciati così per caso. Sarà bello abbracciare senza chiedersene la ragione.