7 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 06.12

Gli accordi raggiunti informalmente

Amministrative: no ad apparentamenti ufficiali ai ballottaggi, anche se…

5 Maggio 2019

Nessun apparentamento ufficiale ai ballottaggi per le amministrative in Sicilia, ma ci sarebbero tante ‘alleanze informali’ tra i partiti. Le opportunità del momento hanno portato le formazioni politiche a non rendere note in modo ufficiale gli accordi, che però sarebbero stati raggiunti nelle stanze delle segreterie.

Nel dettaglio, a Caltanissetta la Lega dovrebbe dare l’appoggio al candidato del Movimento 5 stelle Roberto Gambino che si contrappone al candidato del centrodestra Michele Giarratana.

A Gela se la vedranno Francesco Spata del Carroccio e Lucio Greco, sostenuto da Pd e Forza Italia. Il primo ha incassato il sostegno di Maurizio Melfa, che al primo turno è arrivato terzo ed era sostenuto da alcune liste civiche.

A Mazara del Vallo la corrente vicina all’ex primo cittadino Nicola Cristaldi – che era candidato a Calatafini-Segesta –  avrebbe deciso di appoggiare al ballottaggio l’esponente della Lega Giorgio Randazzo, che ha come avversario Salvatore Quinci.

A Castelvetrano, infine, se la giocheranno il pentastellato Enzo Alfano e Calogero Martire, sostenuto da liste civiche vicine al centrodestra. Sebbene il Pd non abbia dato indicazioni, ci sarebbe una propensione della base dei democratici a favore del candidato del M5S.

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.