22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.37

a palermo in piazza indipendenza

Anche in Sicilia gli striscioni di CasaPound per celebrare l’Unità d’Italia

17 Marzo 2019

“1861-2019: Viva l’Italia” questo il testo degli striscioni affissi in oltre cento città italiane da CasaPound, comprese 5 in Sicilia, per celebrare i 158 anni dalla proclamazione dell’Italia unita.

A Palermo lo striscione è stato posizionato sotto l’obelisco di piazza Indipendenza dedicato al sacrificio degli eroi siciliani che realizzarono l’Indipendenza Italiana da cui prende il nome lo slargo tra Palazzo dei Normanni e quello della Regione.

“Il 17 marzo del 1861 – spiega in una nota il movimento della tartaruga frecciata – veniva pubblicata nella Gazzetta ufficiale la legge che istituiva ufficialmente il Regno d’Italia. Un obiettivo raggiunto dopo due guerre d’indipendenza e la spedizione garibaldina ‘dei Mille’, completato poi nel 1866 con la Terza Guerra d’Indipendenza e l’acquisizione del Veneto e nel 1870 con la presa di Roma, e che consentì alla nostra Nazione di divenire corpo unico dopo essersi affrancata finalmente dal giogo straniero”.

“Si trattò di un’indipendenza non concessa da altri – conclude CasaPound Italiama conquistata col sacrifico e col sangue di tantissimi italiani. In un momento in cui la nostra libertà appare sempre più limitata dalla dittatura di Bruxelles, abbiamo ritenuto importante ricordare quel sacrifico anche perché possa essere insieme monito e stimolo per poter riconquistare pienamente quella sovranità che fu allora ottenuta a duro prezzo e con formidabile sforzo dai nostri avi”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.