19 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 02.39
Palermo a cinquant'anni dal terremoto

Apprendi: “Nel Belice il tributo di sangue dei Vigili del Fuoco fu altissimo”

12 gennaio 2018

“Cinquant’anni fa nel terremoto del Belice il tributo di sangue dei vigili del fuoco fu altissimo. In quel tragico evento persero la vita il brigadiere Alessio Maucieri, il vigile discontinuo Giovanni Nuccio, l’ausiliario Giovanni Carturan e il vigile temporaneo Saverio Semprini.  In quella occasione perse la vita anche il carabiniere Nicolò Cannella”. Lo ha dichiarato Pino Apprendi, presidente onorario provinciale dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in congedo.

Il Corpo Nazionale fu messo a dura prova – prosegue Apprendi – in particolare il personale siciliano che presto’ i primi soccorsi, in un territorio dove la viabilità era stata interrotta dai crolli e dove ancora non esisteva l’autostrada. Il volontariato ancora era privo di organizzazione e il termine protezione civile in Italia era sconosciuto. Tutto era affidato alla improvvisazione o alla iniziativa di qualche bravo dirigente, ma sopratutto agli uomini che erano sul campo“.

Nei prossimi giorni l’associazione dei vigili del fuoco in congedo, in collaborazione con il Comando di Palermo e la Direzione Regionale, ricorderà con una cerimonia i colleghi che persero la vita in quella occasione, ed in particolare, si racconterà dei due colleghi palermitani Maucieri e Nuccio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...