19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.30
Palermo

il primo maggio

Arriva anche a Palermo la manifestazione dell’Ugl Sicilia sulla sicurezza del lavoro

15 Aprile 2019

Dopo la grande attenzione che ha ricevuto l’istallazione delle sagome bianche dello scorso anno in piazza San Silvestro a Roma, e che è stato ripetuto il 23 giugno 2018 in piazza del Duomo a Milano, il 7 e 8 agosto a Marcinelle, il 24 novembre a piazza del Plebiscito a Napoli e il 30 marzo di quest’anno in piazza Santa Croce di Firenze, il ciclo delle manifestazioni sulla sicurezza dei luoghi di lavoro, denominato #lavorarepervivere terrà una tappa conclusiva con una ulteriore esposizione in piazza Politeama nel cuore del centro storico di Palermo per il primo maggio del 2019. Questo quanto si legge nel sito dell’Ugl Sicilia.

Quest’anno, avendo registrato un aumento di oltre il l0% dei decessi sui luoghi di lavoro, le sagome bianche saranno 1029 (come lo scorso anno) alle quali saranno aggiunte 104 sagome rosse per rendere plasticamente visibile la drammatica differenza tra il 2018 e il 2019.

Anche per quest’anno, l’UGL non mobiliterà i propri quadri sindacali, e rinuncerà al classico comizio e corteo, proprio per focalizzare l’attenzione sull’immane tragedia che devasta il mondo del lavoro e le famiglie colpite da questi lutti.

Per l’UGL è un modo differente di celebrare una data importante che, troppo spesso, altri hanno trasformato in un rito vuoto.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.