10 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.34

nelle fila di Forza Italia

Ars commissione salute, Papale e Gallo prendono il posto di Milazzo e Calderone

10 Luglio 2019

 A seguito delle dimissioni di stamattina del deputato Tommaso Calderone, dalla carica di componente della Commissione salute, servizi sociali e sanitari, congiuntamente a quelle di Giuseppe Milazzo, neo eletto al Parlamento europeo, il gruppo parlamentare di Forza Italia all’Assemblea Regionale Siciliana ha individuato in Riccardo Gallo e Alfio Papale, due sostituti in grado di spendersi a tempo pieno nel delicato ambito della sanità siciliana.

A dimostrazione della grande armonia e coesione che regnano all’interno di Forza Italia, pronta a lavorare per il bene del territorio, oggi ho provveduto a rassegnare le mie dimissioni da componente della VI commissione. La scelta è dettata da questioni di correttezza istituzionali a seguito del mio nuovo incarico, il quale non mi avrebbe permesso di dedicarmi alla materia della sanità in Sicilia, come fatto sino ad ora. Per tale motivo è giusto che in sostituzione vadano due persone del gruppo che abbiano altrettanta esperienza e competenza. Al posto di Giuseppe Milazzo andrà l’onorevole Alfio Papale, mentre al mio posto è già stato nominato il collega Riccardo Gallo”. A riferirlo è il capogruppo di Forza Italia al Parlamento siciliano, Tommaso Calderone.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.