14 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.43
Trapani

Al Museo Regionale Pepoli

Arte: da Laurana a Modigliani. A Trapani la mostra sull’evoluzione del ritratto

14 Agosto 2019

Dal ‘400 fino al XX secolo: lungo questo arco di tempo il ritratto, come testimoniano le opere passate alla storia, ha rivestito un ruolo fondamentale nell’evoluzione della storia dell’arte.

Museo Regionale Pepoli
Museo Regionale Pepoli

Su questa visione è stata realizzata la mostra “Il ritratto del Novecento“, ospitata fino al 10 novembre al Museo regionale “Agostino Pepoli” di Trapani, che mette in dialogo ritratti di Antonello da Messina, l’opera di Francesco Laurana e altri, provenienti dalle collezioni dei musei civici milanesi, quali Boccioni, Modigliani, Martini e Marini.

Il progetto è nato come uno scambio di intenti che è cresciuto in occasione delle mostre costruite e dedicate ad Antonello da Messina, che ha visto l’Annunciata e parte della collezione dell’Abatellis, in colloquio diretto con le altre opere del grande pittore.

Una mostra che ha avuto un grandissimo riscontro di pubblico prima a Palermo, poi a Palazzo Reale a Milano, progetto di collaborazione, tra l’altro, voluto dall’assessore regionale ai Beni culturali, Sebastiano Tusa, a cui è dedicato.

La mostra, a cura di Evelina De Castro e Anna Maria Montaldo, direttori rispettivamente di Palazzo Abatellis a Palermo e del Museo del Novecento a Milano, con la collaborazione di Roberto Pini, su progetto espositivo del direttore del Museo Pepoli, Roberto Garufi e di Laura Galvano, racchiude undici capolavori dal Museo del Novecento e dalla Gam di Milano.

Opere che segnano un itinerario tracciato da grandi personalità che incontrano idealmente gli antichi maestri siciliani che, cinque secoli prima, diedero la svolta in senso moderno al tema del ritratto.

Dal Busto di Pietro Speciale di Domenico Gagini e dal Busto di gentildonna di Francesco Laurana, nella versione del Louvre furono tratti i due calchi in gesso esposti in mostra: il primo fu presentato all’Esposizione nazionale di Palermo del 1891-92, il secondo fu richiesto probabilmente dall’archeologo Antonino Salinas, alla Gipsoteca del Louvre per accostarlo al gemello originale marmoreo di Eleonora d’Aragona, appena entrato al Museo nazionale.

Laurana e Gagini, interpreti inventori in Sicilia del ritratto umanistico in scultura, divengono modelli artistici tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento.

Questa mostra, l’ultima del trittico dopo le due rassegne antonelliane di Palermo e Milano – ha sottolineato il presidente Nello Musumeci – è un evento culturale di prima grandezza. Ho voluto che si tenesse a Trapani, provincia nella quale il governo della Regione intende investire con interventi di promozione, in cui la cultura è chiamata a essere grande attrattore turistico e di marketing del territorio”.

Il progetto è stato realizzato grazie alla collaborazione tra istituzioni e musei della Regione Siciliana e del Comune di Milano, con il supporto di MondoMostre Skira.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.