22 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 09.52

Arte, scomparso a Palermo il pittore Aldo Pecoraino

6 dicembre 2017

È morto a Palermo il pittore Aldo Pecoraino. Avrebbe compiuto 90 anni il 10 dicembre e in quella occasione era previsto un incontro in suo onore. L’artista era considerato uno dei pilastri dell’arte siciliana, grazie all’attaccamento alla sua terra e alla riproduzione fedele delle essenze e dell’anima della Sicilia e dei suoi territori.

Pecoraino si diplomò in pittura all’Accademia delle Belle Arti di Palermo nel 1954 dove ebbe la cattedra di restauro fino al 1996. Fra gli anni ’50 e ’60 vinse numerosi premi per le arti figurative. Sono anni di intensa attività artistica ed espositiva e di sodalizio, amicizia e crescita con l’ambiente intellettuale palermitano. Primi fra tutti Enzo e Elvira Sellerio, che gli saranno sempre accanto e diverranno i suoi principali collezionisti, Leonardo Sciascia, lo scultore Giacomo Baragli, il fratello scultore Mario Pecoraino e molti altri.

E’ del 1989 un’importante antologica, allestita presso la Civica Galleria d’Arte Moderna di Palermo, con testi e interventi di Vincenzo Consolo, Vittorio Fagone e Maria Giuseppina Mazzola.

Dal 1993, dopo un’ultima mostra a Gibellina, “Il canto della Terra”, trascorre un periodo di isolamento dalla vita artistica, ma continua a dipingere e a esprimere la sua visione di Sicilia e di natura. Nel 2010 riprendono le esposizioni, personali e collettive, l’ultima nel 2015 dove espone a Castellana Sicula presso il Club Culturale Castellanese, “La vita per la pittura, visioni madonite” a cura di Filippo Pecoraino.

Visse e lavorò tra Palermo e Gibilmanna dove ha ritratto all’infinito la magica quercia immortale di Piana delle Fate, sopravvissuta all’incendio, che anni fa distrusse in parte anche la sua abitazione.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...