16 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.33
Palermo Politica & "impresentabili"

“Associazione per delinquere”, Edy Tamajo sceglie di non parlare ai magistrati

14 novembre 2017

Il neoeletto deputato regionale Edy Tamajo, accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione elettorale, citato oggi per un interrogatorio dalla Procura di Palermo, che nei giorni scorsi gli ha notificato un invito a comparire, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

“Avrei preferito rispondere ma accetto l’imposizione dei miei legali che mi hanno consigliato di restare in silenzio”, ha detto uscendo dall’ufficio del procuratore aggiunto Sergio Demontis che coordina l’inchiesta a suo carico.

Il parlamentare di Sicilia Futura, lista di centrosinistra, tramite suoi “galoppini”, pure indagati, secondo l’accusa avrebbe comprato voti pagandoli ciascuno 25 euro nel quartiere popolare di Ballarò. Alle ultime regionali Tamajo ha avuto oltre 13mila preferenze piazzandosi tra i tre più votati in Sicilia.

La scelta di non rispondere è frutto di una strategia difensiva: attendere che la Procura depositi le carte in suo possesso per evitare interrogatori alla cieca. Tamajo è difeso dagli avvocati Nino Caleca e Giovanni Castronovo.

I legali di Tamajo, inoltre, oggi hanno chiesto al tribunale del Riesame il dissequestro di tutta la documentazione sequestrata nel comitato elettorale dell’indagato. La Guardia di Finanza ha portato via una serie di scritti, una sorta di “contabilità” delle preferenze previste.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...