9 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.09

SODDISFATTO CARMELO RAFFA, COORDINATORE DI FABI SICILIA

Banche: salvare i posti di lavoro, la Regione approva ordine del giorno

9 Ottobre 2019

Il coordinatore della FABI Sicilia, Carmelo Raffa, esprime soddisfazione del risultato ottenuto a proposito del problema della chiusura delle filiali delle banche nei comuni siciliani, della diminuzione degli organici e della conseguente perdita di posti di lavoro in Sicilia.

“Nella seduta di martedì 8 ottobre, –  afferma Raffa,  – l’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato l’ordine del giorno che porta in testa la firma del capogruppo Giuseppe Lupo, seguita da quella di tutti i parlamentari dello stesso partito, e l’ ordine del giorno presentato dal capogruppo di “Diventerà bellissima”, Alessandro Aricò.

Il documento, approvato all’unanimità e fatto proprio dal Governo rappresentato in Aula dal Vice Presidente e Assessore all’Economia Gaetano Armao, recita: << L’assemblea regionale siciliana impegna il governo della regione ad adottare ogni iniziativa idonea allo scopo di scongiurare che le scelte di riorganizzazione aziendale, poste in essere dai vertici degli istituti di credito , possano determinare licenziamenti al fine pertanto di salvaguardare i livelli occupazionali e, contestualmente tutelare una presenza organizzata e funzionale alla crescita e al mantenimento dell’apparato produttivo in sinergia con il settore del credito diffuso sul territorio>>.

Nel ringraziare tutte le forze politiche, – conclude il sindacalista della FABI – presenti all’Ars, che hanno dimostrato il pieno sostegno alle iniziative portate avanti dalla FABI e dagli altri sindacati del settore credito a sostegno della categoria, continueremo la nostra battaglia affinché al più presto si superino le discriminazioni delle banche nei confronti dei lavoratori, dei disoccupati e del popolo siciliano”.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.