13 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.48
Palermo

truffa alle assicurazioni

Banda spaccaossa a Palermo, i nomi degli arrestati

15 Aprile 2019

Ecco i nomi degli arrestati nelle operazioni di Polizia e Guardia di finanza, denominate in codice ‘Contra Fides‘ e ‘Tantalo bis‘.

In tutto 42 arresti nel Capoluogo per la truffa alle assicurazioni con “boia spaccaossa” che inscenavano falsi incidenti.

I NOMI: Carlo Alicata, 43 anni, Gaetano Alicata, 23 anni, Filippo Anceschi, detto il Nano, 55 anni, Salvatore Arena, detto Mandalà, 41 anni, Gioacchino Campora, detto Ivan, 43 anni, Graziano D’Agostino, 43 anni, Rita Mazzanares, 26 anni, Salvatore Di Gregorio, detto Salvino, 53 anni, Salvatore Di Liberto, 50 anni, Giuseppe Di Maio, detto Fasulina, 38 anni, Piero Orlando, detto Piero Sh, 38 anni, Mario Fenech, 60 anni, Vittorio Filippone, 31 anni, Antonino Giglio detto Tony u Pacchiune, 44 anni, Gesuè Giglio, 31 anni, Vincenzo Peduzzo, 43 anni, Alessandro Santoro, 39 anni, Alfredo Santoro, detto Lello, 45 anni, Natale Santoro, 42 anni, Antonino Saviano, 39 anni, Letizia Silvetri, 35 anni, Monia Camarda, 39 anni, Vincenzo Cataldo, 54 anni, Orazio Falliti, 64 anni, Gaetano Girgenti, 54 anni, Alfonso Macaluso, 49 anni, Benedetto Mattina, 40 anni, Giuseppe Mazzanares, 39 anni, Maria Mazzanares detta Mary, 31 anni, Salvatore Mazzanares, 57 anni, Mario Modica, 49 anni, Cristian Pasca, 23 anni, Giuseppa Rosciglione, 57 anni, Maria Silvestri, 38 anni.

I fermati nel corso dell’operazione Contra Fides della Guardia di Finanza sono: Giovanni Napoli, 44 anni, Antonino Di Gregorio, 44 anni, Patrizia Alaimo, 41 anni, Ermanno Campisi, 40 anni, Emanuela Gallano, 33 anni, Fabio Riggio, 28 anni, Domenico Schillaci, 33 anni, Giovanna Lentini, 42 anni..

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, mutilavano arti per incassare i premi: 42 arrestati, fra loro un avvocato

“Ti fai rompere tu”, così i boia spaccaossa truffavano le assicurazioni | VIDEO

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.