18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.37

la rubrica della domenica

“Bar Sicilia” a Portella della Ginestra con chi sopravvisse alla strage del 1° maggio ’47 | VIDEO

28 Aprile 2019

 

Guarda in alto il video della 60ª puntata

Per questa sessantesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizo Scaglione, siamo venuti a Portella della Ginestra, a pochi chilometri da Piana degli Albanesi, dove il 1° maggio del 1947 la Banda Giuliano sparò contro la gente riunitasi qui per celebrare la Festa del Lavoro, uccidendo undici persone e ferendone ventisette, tre delle quali morirono nei giorni successivi.

La strage di Portella della Ginestra fu la prima del dopoguerra e da quel giorno scattarono numerosi depistaggi, arrivati fino ai nostri giorni: un eccidio mafioso contro povera gente venuta dalle campagne circostanti, da Piana, San Cipirello e San Giuseppe Jato, per fare festa e celebrare i diritti dei lavoratori. Abbiamo voluto parlare di quella giornata con Serafino Petta, oggi ottantottenne e sopravvissuto all’eccidio, ma anche con Francesco Petrotta, che sull’argomento ha scritto diversi libri, con Ornella Salerno, dell’associazione familiari delle vittime, che a Portella ha perso suo zio, e con Pino Apprendi, presidente dell’associazione Antigone ed esponente politico siciliano.

La testimonianza di Petta è particolarmente preziosa, perchè ricostruisce i concitati attimi di quel giorno: “Eravamo qui per celebrare il 1° maggio, quasi duemila persone. Dopo che il segretario della Camera del Lavoro di San Giuseppe Jato incominciò a parlare si udirono i primi spari; all’inizio credemmo che fossero i botti della festa, ma poi capimmo che non lo erano. Ci fu grande confusione, con gente che fuggiva da ogni parte e che si gettava per terra. Io mi trovavo a una ventina di metri dalla pietra dove c’era il podio per il comizio e accanto a me c’era un ragazzo, Serafino Lascari, che venne colpito e morì”. Petta nel 1947 aveva sedici anni, il ragazzo che cadde sotto il piombo mafioso accanto a lui ne aveva quindici.

“Prima avevo visto mio padre che era sul podio – aggiunge – e provai a raggiungerlo, ma non lo trovai. Per terra vidi due donne, madre e figlia. La figlia era incinta ed era ferita mentre la madre era morta. Poi mi misi a correre per mettermi in salvo e mi nascosi in una buca. Fummo fortunati e appena fu possibile tornammo a Piana”. 

Guarda in alto il video della 60ª puntata

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.