19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.22
Messina

LA VIRTUS EIRENE INCONTRA SCHIO, LA BENFAPP SI GIOCA I QUARTI

Basket, Ragusa da sogno: è finale scudetto! Capo d’Orlando show

29 Aprile 2019

Più in alto, più lontano, più veloce”.

Il mantra di Captain Marvel, nota eroina dell’omonima casa di fumetti, deve essere tornato molte volte nella testa delle giocatrici della Passalacqua Ragusa, durante gara cinque contro la Reyer Venezia. Le ragazze hanno completato un vero e proprio capolavoro di testa e gambe, ribaltando lo 0-2 e portandosi così sul 3-2 di serie finale. La Virtus Eirene incontrerà in finale Schio, con gara uno fissata per il 1 maggio.

La vittoria di Ragusa per 82-76 non rende l’idea della prestazione atomica delle ragazze di coach Recupido, le quali sono arrivate ad avere anche un roboante +27 di massimo vantaggio nel secondo quarto, tirando con l’87% da tre a metà partita. Il calo fisiologico nel finale è stato comunque ben compensato dalla testa delle ragazze, le quali sono riuscite a piazzare canestri pesanti nei momenti decisivi della partita.

La partita si è decisa già nel primo quarto, con un 33-13 di punteggio in favore di Ragusa. Impressionante la tenuta difensiva dell’Eirene, con un’intensità difensiva definita “irreale” perfino dalla squadra avversaria, tramite il suo profilo social. Le ragazze della Reyer sono state costrette a cercare improbabili tentativi dall’arco per quasi tutta la prima metà di gara. L’attacco ragusano ha poi fatto il resto, con Kuster e Hamby sugli scudi già dall’inizio e con i canestri pesanti in uscita dalla panchina di Sabrina Cinili nel secondo quarto.

L’Umana Reyer prova a riaprire l’incontro nel terzo quarto, con SteimbergaCarangelo che riportano il distacco sotto la doppia cifra. Nell’ultimo quarto però mancano la testa e le gambe alle ragazze di Venezia, quelle che invece si ritrova Daerica Hamby, che riesce a piazzare canestri pesantissimi che tengono Ragusa a +6, portando così la compagine siciliana a giocarsi la finale scudetto contro Schio.

Per le ragazze iblee vi è la concreta possibilità di realizzare finalmente il sogno scudetto. Bisogna ricordarsi però che i miracoli si possono fare raramente e che quindi non si potrà ripetere la partenza a rallentatore vista in semifinale contro Venezia. Ottima prestazione di squadra, sia per intensità che per realizzazioni, con la Consolini che sembra aver ritrovato il top della forma e una Nicole Romeo che ha manovrato centinaia di palloni durante la partita.

Fa il suo anche Capo d’Orlando, battendo Ravenna nel match di gara uno degli ottavi di finale dei play-off promozione, con il punteggio di 94-79. Al Pala Fantozzi la partita si incanala subito nei binari giusti per i ragazzi di coach Sidoni, con un +10 a fine primo quarto. Poi la Benfapp si limita a gestire l’incontro, realizzando pesantemente dall’arco dei 6,75. Stratosferica la prestazione della solita coppia americana Triche-Sparks (51 punti complessivi), incontenibili nei primi due quarti. La Benfapp è attesa oggi da gara due, la quale può già chiudere i giochi, portando Capo d’Orlando ai quarti di finale.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.