13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.09

Molte le leggi che mancano all'appello

Bentornati deputati all’Ars, dopo la lunga vacanza si torna in Aula ma senza fretta

10 Settembre 2019

Quella lontana seduta del 31 di luglio si è svolta senza votare alcuna norma, ma solo un via libera per l’inizio delle lunghe vacanze dei deputati regionali di Palazzo dei Normanni. Oggi, dopo la pausa, i gruppi parlamentari tornano in Aula, ma tecnicamente anche stavolta sarà un giorno di vacanza ovviamente retribuito.

Nessuna norma da votare all’ordine del giorno. Soltanto delle comunicazioni. Nemmeno la conferenza dei capigruppo è stata convocata. Si pensa che verrà fatta oggi stesso. Nel frattempo, si dovrà  fare i conti con disegni di legge rimasti da tempo nel cassetto. In primis, i testi dei “collegati” alla finanziaria rimandati alla commissione Bilancio, la quale dovrà proporre un nuovo testo più snello e che piaccia a tutta la maggioranza.

Importante norma da discutere in Aula è la riforma dei rifiuti a firma dell’assessore Pierobon, che ha avviato una lunga discussione in commissione ed è stato approvato a maggio scorso.

Non da meno è l’assestamento di bilancio che l’assessore Armao ha cucito e ricamato durante l’estate e aspetta soltanto di essere preso in considerazione a Sala d’Ercole.

Certamente la crisi nazionale non ha aiutato, poiché tutti i partiti in Sicilia sono rimasti in attesa degli sviluppi e perché le forze che adesso sono all’opposizione all’Ars si trovano a governare a Roma e la compagine di centrodestra che sostiene il presidente della Regione Nello Musumeci è invece all’opposizione nella Capitale.

Il governatore ha chiesto in ogni caso di restare fuori da tali questioni: “Il lavoro e il Mezzogiorno – ha sottolineato qualche giorno fa – dovranno essere, per chiunque si voglia cimentare nella guida del Paese, due priorità. In caso contrario, è meglio evitare di venire a chiedere i voti al Sud”.

 

 

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.