Pubblicità Contatti
domenica - 23 luglio 2017
 

CapitaleMessina

Capitale Messina

“Familismo universitario, anche se in calo, sempre presente nelle regioni meridionali”

Il sociologo Edward C. Banfield scrisse nel 1958 il saggio “The Moral Basis of a Backward Society” (Le basi morali di una società arretrata), nel quale, studiando alcuni paesi del Sud Italia, introdusse il concetto del “familismo amorale”. Si tratta di quella condotta etica tipicamente meridionale, che tende a privilegiare il benessere del proprio clan familiare

0 condivisioni

CapitaleMessina

Renzi: che peccato! La parabola di un promettente leader liberaldemocratico

Non c’ė dubbio che Renzi nella tornata elettorale delle recenti amministrative abbia preso una sonora batosta, ed è la seconda dopo quella, epocale, del referendum del 4 dicembre.

0 condivisioni

Capitale Messina

Autorità portuale e risorgimento messinese

Ha ragione da vendere il quotidiano cittadino, che ieri titolava “Sui porti si consuma il delitto più grave” a proposito dello scellerato accorpamento che condurrà i porti messinesi sotto l’egida di Gioia Tauro.

0 condivisioni

Capitale Messina

Infrastrutture? Messina meriterebbe un sindaco come Bianco

La vicenda catanese è paradigmatica di come un amministratore, od un rappresentante politico, dovrebbe agire nell’interesse della propria città.

0 condivisioni

L'inchiesta che ha scosso Trapani spinge a trovare una norma per la trasparenza

Imprese e politica, è ora di una legge sulle lobbies

Il primo tentativo di regolamentazione risale addirittura al 1976 (40 anni fa) e da allora oltre 50 progetti di legge abortiti. La resistenza principale è della politica, perché forse non ha interesse per la trasparenza con le lobbies.

0 condivisioni

La sfida è ridisegnare i confini della politica, abbandonando le categorie usurate di destra e sinistra

La vittoria di Macron ci pone di fronte a nuovi scenari. Saprà la politica interpretarli?

Ogni qualvolta, all’estero, si afferma un personaggio politico di successo, nella politica nostrana si scatena la corsa all’identificazione ed all’emulazione. Anche stavolta, con Macron il copione si ripete…

0 condivisioni

Cannabis, legalizzazione sì o no? Una questione annosa

Questa volta a sollevare l’argomento è stata la lettera su Repubblica del sostituto della Procura di Napoli Henry John Woodcock, e non è il primo magistrato a prendere posizione a favore

0 condivisioni

Quello che va fatto adesso è continuare nella mobilitazione collettiva delle forze vive della città

A proposito delle dichiarazioni di De Vincenti sul Ponte

E noi confessiamo di avere la stessa incapacità di orientarci appresso a questa congerie di posizioni contraddittorie, spesso incoerenti.

0 condivisioni

Siamo arrivati alla vigilia di Pasqua e del Bilancio Previsionale non v'è traccia

Fortunato quel paese che non ha bisogno di assessori

Anche in virtù della preoccupazione, che, in assenza dell’approvazione del bilancio, la vita amministrativa della città avrebbe subito enormi disagi.

0 condivisioni

La cifra disastrosa della Giunta Accorinti

L’ #AmministrazioneZero di Accorinti

Parlando di Amministrazione Accorinti è difficile evitare l’inciampo nel sarcasmo. E di questa caduta di stile gli Autori di queste righe, Giovanni Randazzo ed il sottoscritto, si dichiarano colpevoli, e per questo chiedono anticipatamente perdono.

0 condivisioni

IL BLOG

Università di Messina

Messina, la crisi della classe dirigente ed il ruolo dell’Università

A Messina il problema di selezionare una nuova classe dirigente è diventato una vera emergenza. Basta assistere a qualche seduta di Consiglio comunale o ascoltare le dichiarazioni del Sindaco della città. L’Università quindi ha un importante ruolo di cambiamento…

0 condivisioni

Il Blog

Ci spieghi oggi Delrio cosa intende fare della Sicilia e di Messina

Nel pomeriggio sarà presente in città il Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio: quale migliore occasione, quindi, per mettere sul tavolo i temi fondamentali per lo sviluppo del territorio?

0 condivisioni

L'impietosa analisi dell'esperienza accorintiana nel libro scritto da due ex accorintiani

Assolto per non aver compreso il fatto

Il j’accuse ad Accorinti in un libro scritto a quattro mani da Nina Lo Presti e Gino Sturniolo, consiglieri comunali eletti nella lista accorintiana. Una radiografia ad alta definizione di un fallimento totale.

0 condivisioni

Gli atti della Variante al Piano Regolatore Generale sono secretati

Il PRG segreto

Quando è necessario deliberare sullo strumento urbanistico più importante degli ultimi anni, la Variante al Piano Regolatore Generale, l’Amministrazione Accorinti fa resistenza. Gli atti soni secretati.

0 condivisioni

L'ultima comparsata tv del primo cittadino peloritano, su Rai 2 ospite del programma Nemo

Accorinti, il sindaco “alieno”

Accorinti “il sindaco alieno”. Questa la scritta in sovrimpressione durante l’ultima comparsata televisiva del primo cittadino peloritano, su Rai 2 ospite del programma Nemo. Ed “alieno” lo è sembrato veramente Accorinti durante la sua performance.

0 condivisioni

Legge 194, storia di un diritto negato

La legge 194 è in tante parti di Italia largamente inapplicata a causa dell’eccessivo numero di medici obiettori.

0 condivisioni

A Livorno la scissione fu fatta in nome di Lenin, quella del PD di Pagnoncelli

Scissione PD: tutta colpa dell’IPSOS!

È sicuro che se vi fosse un sistema elettorale a vocazione maggioritaria, la battaglia per la difesa degli svantaggiati si sarebbe condotta dentro il Pd.

0 condivisioni

Non è cambiando assetto societario che si risolvono le criticità. È necessario invece mutare paradigma

La paura del privato “genera mostri”

Messinaservizi Bene Comune dovrebbe nascere dalle ceneri di Messinambiente, prossima al fallimento giudiziario. Di fatto un clone della precedente.

0 condivisioni

Perché Accorinti deve andare a casa e Gentiloni no

L’interruzione anticipata di una esperienza di governo locale o nazionale può essere utile o dannosa, dipende.

0 condivisioni

Cerchiamo di comprendere quali sono le regole del gioco ed il conseguente possibile scenario

È tornato il pentapartito, anzi peggio!

Una volta ancora è la Corte Costituzionale, e non la politica, a stabilire le regole con le quali i cittadini possono scegliere i propri rappresentanti in Parlamento.

0 condivisioni
.Digitrend s.r.l