13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.14
Palermo

Si comincia stasera con Richard Bona

Brass Group: al via la nuova stagione con artisti internazionali. Ecco le novità [Fotogallery]

17 Ottobre 2017
'
'
'
'
'
'
'

Sarà Richard Bona, talentuoso bassista, pluristrumentista e vocalist, ad inaugurare la nuova stagione della Fondazione The Brass Group, una tra le più antiche istituzioni di musica jazz del nostro Paese.

La nuova rassegna musicale, giunta alla 43° edizione, si presenta ricca di sonorità grazie ad un calendario variegato che prevede le performance di grandi artisti internazionali in ambito jazz e soul e dell’Orchestra Jazz Siciliana con il suo resident conductor, Domenico Riina.

Da quest’anno, inoltre, per soddisfare le numerose richieste di abbonamenti, è previsto un doppio turno: uno alle ore 20,35 ed un secondo alle ore 22,15.

Sedici rispettivamente gli spettacoli in entrambi i turni e tanti i grandi nomi che calcheranno il palco del Real Teatro Santa Cecilia, l’unico teatro pubblico storico destinato al jazz.

In merito al programma interviene Ignazio Garsia, presidente della Fondazione: “Quest’anno abbiamo voluto attribuire al cartellone una particolare importanza sia perché rappresenta il definitivo rilancio del Brass, sia perché intendiamo restituire a Palermo il ruolo interpretato fin dagli anni Settanta di capitale tra le più importanti del jazz europeo”.

Per raggiungere tale obiettivo si è puntato, sul fronte artistico, verso un maggior coinvolgimento di musicisti internazionali.

Tra questi ricordiamo la leggendaria pianista e compositrice statunitense Carla Bley, il grande trombettista Tom Harrell, il gruppo dei figli di Dave Brubeck, il talentuoso chitarrista Pat Martino e la nostra Orchestra Jazz Siciliana, cui è affidata la colonna sonora dell’intera stagione.

Una particolare attenzione è stata riservata al jazz femminile rappresentato, in cartellone, da Carolina Bubbico, Simona Molinari, Letizia Gambi, Camille Bertault, Marta Pereira da Costa, Carolina Eyck e le Robin Gals.

Da quest’anno, inoltre, la Fondazione ha attivato, oltre all’acquisto online dei biglietti tramite il circuito www.ticksweb.com anche due postazioni, al Real Teatro Santa Cecilia e l’altro al chiostro di Santa Maria dello Spasimo.

Il sipario si aprirà stasera, per la prima della stagione, con Richard Bona che afferma alla vigilia del debutto a Palermo: “La musica abbraccia le differenze e riunisce le genti cosa che non riescono a fare la politica e la religione”.

Personaggio ben noto agli appassionati del genere, l’artista internazionale si è oramai imposto all’attenzione generale come uno dei più originali musicisti che tende ad una fusione, non di facciata, della musica africana con altre espressioni.

Strumentalmente, egli è un vero e proprio virtuoso ma questa sua straordinaria abilità è messa al servizio dell’intero gruppo. Di lui si dice che porta in tutto il mondo il suo sorriso e la sua eleganza musicale, che sia un artista in cui si fondono i virtuosismi di Jaco Pastorious, la fluidità vocale di George Benson, il senso dell’armonia e della canzone di Joao Gilberto, il tutto mixato con la cultura africana.

Noto anche per aver fatto parte del gruppo Steps Ahead, si è esibito su molti palcoscenici e con diversi artisti del calibro, ad esempio, di Bobby McFerrin, Pat Metheny, Joe Zawinul, Chick Corea, Herbie Hancock, Paul Simon, John Legend e Stevie Wonder.

Con numerosi premi, spettacoli e anni di esperienza al suo attivo, Bona è diventato uno dei più ricercati musicisti di questa generazione.

A Palermo il musicista sarà accompagnato dalla band Mandekan Cubano (cinque veterani della scena musicale latina Downbeat di New York), con cui ha fuso artigianalmente suoni e culture, riuscendo nell’impresa di parlare il linguaggio universale della musica.

Sul sito della Fondazione tutte le informazioni sui prossimi concerti.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.