19 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 02.39
La recensione

Bright, la recensione del film di Netflix con Will Smith

2 gennaio 2018

“Bright” (2017), di David Ayer.

L’ultima produzione cinematografica di Netflix, si dice anche la più costosa finora con un costo di oltre 100 milioni di dollari, è “Bright” di David Ayer. Lo stesso regista di “End of Watch” (2012) e “Suicide Squad” (2016). Questa volta i protagonisti, di questo nuovo poliziesco fantasy, sono i bravissimi Will Smith, nei panni di Scott Ward un “poliziotto umano”, e Joel Edgerton, nei panni Nick Jakoby un “poliziotto orco”.

Il genere è azione, fantascienza, thriller, e certamente piacerà ai cineamatori che si appassionano a questi racconti. Non è un film per tutti, non lo è soprattutto per coloro che amano il cinema visto da una prospettiva realista. Di “realismo” qui ci sono le dinamiche tra culture, razze, tradizioni, costumi, usanze, appartenenze a clan e legami di sangue, le azioni frutto di fiducia e tradimenti, di amore per la giustizia e la viscerale cupidigia per il potere e il danaro, di volontà di dominare il mondo o di migliorarlo, di bonaccia al galleggiamento per sopravvivere o di rischio per il cambiamento. Insomma, le cose che tutti viviamo e che tutti sogniamo quotidianamente, chi più chi meno. Sono tutte queste le componenti che riescono ad essere ben miscelate in questo interessante film che tratta dinamiche umane e sociali con leggerezza, con una buona dose di umorismo, e con un messaggio che riesce a lanciare solo allo spettatore attento che saprà coglierlo. Chi vedrà, forse, capirà!

E’ una storia che descrive una città turbolenta, una Los Angeles di un futuro non troppo distante dai giorni nostri, travagliata, confusionaria, a più strati sociali e di potere, dove il caos primeggia sull’ordine. Una città popolata da umani, elfi, orchi, fate, e dove il potere assoluto è affidato alla magia, ad un trittico di bacchette magiche che solo una Bright potrà governare. La coppia di agenti Ward e Jakoby, durante un loro normale pattugliamento notturno, si renderanno protagonisti di un susseguissi di accadimenti che cambieranno le sorti del mondo, cercando di proteggere con la loro stessa vita una ragazza elfo di nome Tikka (Lucy Fry).

Scheda:

Titolo originale: “Bright” – Regia: David Ayer – Produzione: Clubhouse Pictures, Overbrook Entertainment, Netflix – Distribuzione Netflix – Sceneggiatura: Max Landis – Musiche: David Sardy – Con: Will Smith, Joel Edgerton, Noomi Rapace, Kenneth Choi, Brad William Henke, Lucy Fry, Edgar Ramirez, Ike Barinholtz, Brandon Larracuente, Dawn Olivieri, Andrea Navedo, Alex Meraz, Chris Browning, Matt Gerald. – IMDb – Wikipedia – Facebook – 

Clicca QUI per guardare il film su Netflix.

 

Andrea GiostraANDREA GIOSTRA

https://andreagiostrafilm.blogspot.it

https://business.facebook.com/AndreaGiostraFilm/

https://www.facebook.com/andrea.giostra.37

https://www.facebook.com/andrea.giostra.31

https://plus.google.com/u/0/114620232579950145227

https://www.youtube.com/channel/UCJvCBdZmn_o9bWQA1IuD0Pg

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...