15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.40
Catania

Parla il sottosegretario con delega alle finanze degli enti locali

Buone notizie per Catania. Ok all’emendamento salvacomuni. Candiani: “Lo avevamo promesso e lo abbiamo fatto”

17 Giugno 2019

Approvato dalla Commissione Finanza e Bilancio della Camera l’emendamento che chiede l’apertura di un fondo da 20 milioni di euro per il 2019 e da 35 milioni annui dal 2020 al 2033 per i Comuni metropolitani in dissesto. Tra questi Catania, in dissesto con 1,6 miliardi di euro di debiti.

Un provvedimento che rappresenta per la città Etnea un modo per uscire dalla crisi in cui versa da tempo e risponde alle richieste del sindaco Salvo Pogliese, che aveva invocato un impegno della politica nazionale .

Soddisfatto il Sottosegretario di Stato del Ministero dell’interno, con delega alla Finanza degli Enti Locali, Stefano Candiani: “Lo avevamo promesso ai catanesi e l’abbiamo fatto. Oggi siamo molto contenti di vedere l’entusiasmo di tutti attorno all’approvazione di questo emendamento. Anche di chi – fa notare Candiani – se non ci fossimo imposti si sarebbe limitato al problemi dei conti di Roma. Ma i cittadini di Catania sanno chi ha lavorato per trovare una soluzione e chi oggi esulta dopo mesi passati a guardare alla finestra”.

L’impegno su Catania e su altre città in difficoltà, era stato garantito dal Ministro dell’Interno Matteo Salvini: “La linea che abbiamo imposto – prosegue Candiani – è precisa: non doveva esistere un Salvaroma ma un ‘Salvacomuni’. E oggi possiamo, a ragione, dire che grazie all’aver imposto quella linea Catania e altri Comuni possono ricominciare a guardare al futuro”.

“Il via libera in Commissione dell’emendamento per gli aiuti al dissesto di Catania è una vittoria della Lega – sottolinea Fabio Cantarella, responsabile Enti Locali per la Sicilia della Lega e assessore nella giunta di Catania – che con il ministro Salvini e il sottosegretario Candiani ha concretamente recepito le giuste richieste del sindaco Salvo Pogliese di alleggerire il pesantissimo debito del passato. Abbiamo imposto una linea precisa che si affermata: non esiste solo il decreto Salvaroma, ma i problemi di tanti comuni, da Alessandria a Catania e naturalmente anche quelli di Roma.
Il ministro Matteo Salvini si impegnò lo scorso Agosto a trovare la soluzione per Catania e il sottosegretario Candiani è sempre rimasto vicino a sostenere le ragioni dell’Amministrazione Comunale di Catania, una linea grazie alla quale finalmente Catania e altri comuni possono ricominciare a guardare al futuro con fiducia”.

“I Catanesi – prosegue Cantarella – sanno chi ha lavorato davvero per trovare le soluzioni e chi, invece, solo perché costretto dagli eventi si è accodato, superando finalmente inspiegabili ritrosie a sostenere le ragioni di una città che finalmente può cambiare rotta”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.