20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.09
Catania

PER GLI ETNEI TERZA SCONFITTA IN QUATTRO GARE

Calcio, Catania: è notte fonda. Trapani e Siracusa raggiungono gli obiettivi

15 Aprile 2019

E’ crisi nera per il Catania, sconfitto in pieno recupero per 1-0 contro la Virtus Francavilla. Gli uomini di Novellino hanno dimostrato, ancora una volta, grossi limiti nella gestione della partita e, soprattutto, nel concretizzare sotto porta. La squadra rossoblu, fra le prime della classifica, è quella con il peggior attacco, con soli 44 gol realizzati.

Se dobbiamo dirla tutta, è proprio il settore offensivo quello che desta maggiori preoccupazioni in casa catanese. L’attacco catanese ha una media anagrafica abbastanza alta, la quale dovrebbe garantire cinismo e concretezza. Invece l’attacco catanese è risultato abulico come se, a tratti, gli attaccanti etnei subissero la tensione della partita e la contestazione di parte della tifoseria nei confronti della società, in particolare nei confronti di Pietro Lo Monaco, più volte in contrasto con i propri tifosi in questa annata calcistica.

Guardando alla classifica marcatori, il top player rossoblu è Francesco Lodi, con i suoi 9 gol realizzati. Che un giocatore come Lodi segni tutti questi gol non è di certo una novità. Quello che fa notizia invece è che gli attaccanti etnei non riescano a segnare più del proprio capitano che, di ruolo, fa il centrocampista. Marotta, ovvero l’attaccante etneo più prolifico con 8 gol realizzati, non segna da quasi un mese, mentre Di Piazza e Curiale non arrivano in due alla doppia cifra, con quattro gol a testa.

L’avvicendamento in panchina fra Sottil e Novellino sembrava aver portato i frutti sperati, salvo poi scadere negli errori di sempre. La vittoria sulla Juve Stabia aveva illuso i tifosi, salvo poi farli tornare sulla terra dopo le tre sconfitte nelle ultime quattro gare, con una sola vittoria in rimonta contro un pericolante Bisceglie.

Walter Novellino, nel match contro il Virtus Francavilla, ha cercato risposte che non sono arrivate dagli uomini di esperienza della rosa. Il mister si trova in una posizione difficile, con un terzo posto da difendere dal ritorno prepotente del Catanzaro, il quale ha una gara in più ed arriva con maggiore entusiasmo.

Si avvia verso i play-off invece il Trapani, autore di una bella vittoria per 2-1 nel match interno contro il Potenza. Gli uomini di mister Italiano consolidano il secondo posto in classifica, con un +7 rotondo sul Catania e con la possibilità di preparare serenamente i play-off partendo più avanti nel tabellone.

I granata escono da un periodo nero, a seguito dell’eliminazione dalla Coppa italia, ad opera della Viterbese, e della sconfitta nel match promozione contro la Juve Stabia. Il Trapani ha dimostrato però di avere fatto notevoli passi in avanti rispetto allo scorso anno, con un gioco corale che sfrutta molto bene le fasce e con un attacco (Nzola, Ferretti ed Evacuo) molto proficuo, autore di ben 54 reti stagionali.

Può sorridere invece il Siracusa, nonostante la sconfitta per 2-1 in trasferta contro la Casertana. Gli uomini di Raciti passano in vantaggio con Vasquez ma poi, anche a causa dell’inferiorità numerica causata dall’espulsione di Ott, subiscono il ritorno degli avversari, i quali completano la rimonta al 77′ con la doppietta di Castaldo, dopo che lo stesso giocatore campano aveva pareggiato su rigore.

Il Siracusa comunque raggiunge una salvezza che, ad un certo punto della stagione, sembra pericolante a causa dei notevoli problemi di gioco che hanno contraddistinto il campionato degli aretusei. Poi però, dal derby con la Leonzio, è arrivata una vera e propria scossa che ha portato 12 punti in quattro gare nelle case siracusane.

L’unica squadra che sembra avere qualcosa da dire, oltre al Catania, è la Sicula Leonzio, sconfitta dalla capolista Juve Stabia in un match rocambolesco per 2-3. La squadra di Lentini ha comunque le ultime tre giornate a disposizione per agganciare la zona play-off e dare alla stagione una botta di vita inattesa.

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.