19 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Palermo

ROSANERO A PUNTEGGIO PIENO

Calcio: il Palermo sbanca Locri, 2-0 rifilato al Roccella | LE PAGELLE

15 Settembre 2019

Il Palermo si impone per 2-0 sul campo del Roccella, conquistando tre punti che consentono ai rosanero di salire a quota nove in classifica, rimanendo così a punteggio pieno e in testa al Girone I. La formazione di Pergolizzi soffre i ritmi elevati del Roccella, anche a causa del caldo e di una condizione non proprio all’altezza, ma riesce ad uscirne di esperienza passando in vantaggio con una bella percussione di Doda. Nella ripresa i calabresi sono andati vicini al pareggio, ma l’ingresso in campo di Ambro ha risolto i patemi d’animo della formazione palermitana. Il centrocampista rosanero raddoppia con un bel colpo di testa e garantisce ordine e cifra tecnica a centrocampo. Adesso tocca al Marina di Ragusa, che sarà ospite al Renzo Barbera per la quarta giornata di campionato.

IL RACCONTO DEL MATCH

I rosanero sono a caccia di punti e certezze, dopo la prematura uscita dalla Coppa Italia ad opera del Biancavilla. Sono circa quattrocento i tifosi del Palermo accorsi a Locri per seguire la propria squadra del cuore. Allo stadio Macrì fa molto caldo, con la temperatura intorno ai 27 gradi. Pergolizzi ripropone l’undici che ha domato il San Tommaso. Straordinari quindi per Vaccaro, Crivello e Santana, titolari in tre match in soli sette giorni. L’aspetto fisico non è una variabile secondaria, soprattutto contro una squadra giovane come il Roccella, che fa della corsa e dell’intensità due delle sue prerogative principali.

PRIMO TEMPO

Roccella - Palermo
Foto Fb “Roccella calcio”

Il Roccella imposta da subito ritmi molto elevati, con giocate in verticale e pressing a tutto campo. Sul sintetico di Locri, il Palermo fa fatica nel primo quarto d’ora, agendo soprattutto sull’asse Doda – Felici. Al 15′ primo colpo di scena del match: Cavallaro non riesce a continuare per un risentimento alla coscia, al suo posto Sangare. I rosanero faticano a creare azioni pericolose, ma al 19′ riescono a passare in vantaggio: Doda recupera un buon pallone sulla destra, salta un paio di avversari, mette un tiro cross in mezzo che inganna il portiere Scuffia e si insacca sul secondo palo, Roccella – Palermo 0-1. I calabresi non ci stanno ed iniziano a spingere con più decisione. Al 21′ il Roccella reclama un rigore per un presunto fallo di mano di Ricciardo sul tiro di Pascuzzi. Due minuti dopo Leveque ci prova da calcio piazzato, ma Pelagotti è pronto e blocca il pallone.

I ritmi rimangono alti, ma il gioco continua a latitare da entrambe le parti. Il Roccella mette la partita anche sull’aspetto fisico, ricorrendo spesso al fallo. Al 31′ primo cartellino giallo dell’incontro all’indirizzo di Mbaye, per un fallo a centrocampo su Felici. Al 37′ Kraja calcia dal limite, ma il tiro esce debole e si spegne a lato. Al trentanovesimo Lancini stende Leveque al limite dell’area di rigore, prendendosi il giallo. Sugli sviluppi del calcio piazzato, lo stesso numero 10 del Roccella mette un cross pericoloso che Pascuzzi non riesce di poco a tradurre in gol.

Il Roccella pressa alto e recupera palloni pericolosi per la difesa rosanero. Al 42′ Suraci recupera un pallone sui 25 metri e lo serve verso Sangare, il cui destro però si spegne debolmente fra le braccia di Pelagotti. Dopo un solo minuto di recupero il primo tempo si spegna sul risultato di 0-1 per il Palermo.

SECONDO TEMPO

Il Roccella parte subito a mille, cercando di sorprendere i rosanero. Su un cross dalla destra, Sangare ha l’occasione per pareggiare, ma manca clamorosamente il pallone a pochi metri dalla porta. Pergolizzi percepisce il pericolo e manda a scaldare l’intera panchina rosanero. Al 53′ Martinelli ha l’opportunità per raddoppiare, ma il suo piatto sinistro si spegne fra le braccia del portiere Scuffia. Secondo cambio nel Roccella, fuori Santaguida e dentro Liberto. Tre minuti dopo il Roccella va vicino al pareggio: incursione di Faiello (fra i migliori dei suoi) che salta Crivello e calcia di destro, ma il suo tiro ad incrociare si spegne di poco a lato.

Il Palermo soffre i ritmi esorbitanti del Roccella, che cerca disperatamente il pareggio. Il caldo e la partita di Coppa iniziano a farsi sentire sulle gambe dei rosanero, imballati ancora da una preparazione troppo ravvicinata rispetto al campionato. Rosario Pergolizzi capisce il momento dei suoi e ricorre al primo cambio: fuori uno stanchissimo Mario Alberto Santana, dentro Danilo Ambro. Non cambia il modulo rosanero, con il numero 5 che si inserisce sulla mediana, con l’avanzamento di Kraja sulla trequarti. Proprio Ambro si ritrova sui piedi l’occasione per il raddoppio: il centrocampista rosanero intercetta un passaggio del portiere Scuffia che si trova fuori dai pali, ma il suo pallonetto si spegne a lato. Al 64′ Kraja si inserisce bene in area e calcia di destra, ma il portiere del Roccella respinge di pugno.

La partita si accende con il passare dei minuti, con i rosanero in cerca del raddoppio e il Roccella a caccia di un pareggio storico. Al 65′ l’arbitro Taricone ammonisce Martinelli per aver spostato il pallone un pò troppo in avanti rispetto al punto di battuta. Terzo cambio nel Roccella: fuori Pascuzzi e dentro il catanese Leonardi. Al 69′ il Palermo raddoppia! Sul calcio d’angolo di Martin, Ambro arriva bene di testa e batte Scuffia sul secondo palo. Roccella – Palermo 0-2. Ottima impatto sulla partita del centrocampista palermitano, che fin dal suo ingresso ha fatto capire di essere in giornata si.

Pergolizzi approfitta del doppio vantaggio e decide di fare un cambio conservativo: fuori Kraja e dentro Langella. Al 77′ Ambro si trova sui piedi la palla per triplicare, ma il suo sinistro viene fermato da un miracolo di Scuffia. Terzo cambio in casa rosanero, con Accardi che sostituisce uno stremato Vaccaro. Mister Galati si gioca gli ultimi due cambi a disposizione: fuori Suraci e Sangare, dentro Di Franco e Riitano. Il Palermo gestisce il pallone, cercando di affondare sugli sbilanciamenti degli avversari. A due minuti dal novantesimo, Ricciardo si coordina bene in area ma la palla finisce fuori. Al novantesimo Pergolizzi concede riposo all’attaccante rosanero, sostituendolo con Lucera. Dentro anche Juan Mauri, al posto di Martin. In pieno recupero Lucera mostra tutte le sue doti tecniche, facendo impazzire Faiello e calciando di sinistro, ma il suo tiro scheggia il palo. Dopo cinque minuti di recupero, l’arbitro Taricone decreta la fine del match. Roccella – Palermo termina 0-2.

LE FORMAZIONI

ROCCELLA: 1 Scuffia (cap.), 2 Faiello, 3 Cavallaro, 4 Liviera, 5 Mbaye, 6 La Gamba, 7 Suraci, 8 Osei, 9 Santaguida, 10 Leveque, 11 Pascuzzi. All. Francesco Galati

A disposizione: 12 Commisso, 13 Teti, 14 Iuculano, 15 Liberto, 16 Di Franco, 17 Sangare, 18 Riitano, 19 Figliomeni, 20 Leonardi.

PALERMO: 1 Pelagotti, 23 Doda, 19 Lancini, 24 Crivello, 27 Vaccaro, 6 Martinelli, 8 Martin, 73 Kraja, 11 Santana (cap.), 75 Felici, 9 Ricciardo. All. Rosario Pergolizzi

A disposizione: 22 Fallani, 3 Bechini, 4 Accardi, 5 Ambro, 14 Ficarrotta, 21 Lucera, 26 Mauri, 33 Langella, 54 Peretti.

PAGELLE

Pelagotti 6: Mai seriamente impegnato, si limita all’ordinaria amministrazione con diligenza ed esperienza.

Doda 7: Sempre propositivo sulla destra, fornisce sovrapposizioni continue a Felici. Una di queste porta al gol che sblocca il risultato. In crescita.

Lancini 5,5: Il centrale rosanero deve imparare l’arte del temporeggiare se vuole crescere dal punto di vista tecnico. Troppi falli, uno dei quali porta all’ennesimo giallo in campionato. I cartellini potrebbero essere un fattore decisivo durante la stagione.

Crivello 6,5: Esperienza da giocatore di categoria e tecnica da vendere per il centrale rosanero. L’uscita difensiva, intorno alla mezzora, con cui salta agevolmente quattro avversari rende l’idea della cifra tecnica del giocatore.

Vaccaro 6: Buona partita dal punto di vista difensivo, viene poco servito sulla sinistra dai compagni di squadra.

Martinelli 5,5: Il centrocampista rosanero, in dubbio fino all’ultimo per un risentimento muscolare, soffre tanto il pressing avversario e non riesce quindi a rendersi pericoloso in fase offensiva.

Martin 6: Stesso discorso di Martinelli. Raramente riesce a creare gioco, anche a causa del pressing continuo di Suraci. I suoi calci piazzati si rivelano però decisivo, come nell’occasione del 2-0 di Ambro.

Kraja 5,5: Un pò in difficoltà sulla mediana, non riesce a trovare un buon feeling con Santana.

Santana 6,5: Nonstante l’età, l’argentino si dimostra sempre fra i migliori dei suoi. Tecnicamente inarrestabile, mette sempre palloni importanti che possono fare la differenza.

Felici 6,5: Il trequartista palermitano è una garanzia di spinta e tecnica. Mette a ferro e fuoco la difesa calabrese, scambiando palloni importanti con Doda.

Ricciardo 6: Molte sportellate e tanti falli guadagnati, che hanno consentito di far respirare i suoi compagni di squadra.

Ambro 7: Ottimo impatto sulla partita del mediano rosanero. Cerca sempre la palla e propone ottimi scambi con Felici e Kraja. Realizza il gol del 2-0 inserendosi bene sull’angolo di Martin.

Langella s.v.

Accardi s.v.

Mauri s.v.

Lucera 6: Gioca pochissimi minuti, ma mostra tutto il suo potenziale. Talento da valorizzare.

Pergolizzi 6,5: Imposta una formazione che riesce a resistere ai ritmi forsennati degli avversari. Indovina il cambio che vale il 2-0, mettendo in campo Danilo Ambro nel momento giusto della partita.

Palermo calcio: in campionato ti aspetta il Roccella. L’intervista al DS Francesco Curtale

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.