22 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 09.52

Il leader 5 Stelle: "vogliamo far rinascere il lavoro"

Cancelleri presenta le “pillole di programma” per curare l’economia siciliana

12 ottobre 2017

Accesso al credito agevolato, semplificazione amministrativa, ricerca e nuove tecnologie, riforma dell’Irsap, istituzione del lobbista del cittadino a Bruxelles. Sono queste le prime dieci “pillole di programma” presentate dal candidato alla Presidenza della Regione del M5S Giancarlo Cancelleri sulla propria pagina Facebook, per curare un’economia in cattivo stato di salute.

Il leader pentastellato siciliano, infatti, riporta i dati sulla disoccupazione in Sicilia definiti “da brivido”. “L’Isola vanta un tasso attorno al 22% – scrive nel post – mentre a livello europeo siamo nella top ten delle regioni col più alto tasso di disoccupazione giovanile: oltre il 57%. Un dato allarmante che ha meritato ampio spazio nel nostro programma”.

Una situazione così difficile e delicata che non può essere risolta con la bacchetta magica. Cancelleri ne è consapevole. “Vogliamo essere chiari – spiega – nel nostro programma non troverete ricette miracolistiche o trucchi, troverete tantissime idee realistiche ed ottimi progetti per i disoccupati, per gli inoccupati, per i giovani, i meno giovani e le imprese soffocate dalle tasse, dalla burocrazia, dalla carenza di servizi e dalle infrastrutture praticamente inesistenti. Sono idee di buon senso, che noi vogliamo seminare per far rinascere il lavoro ed estirpare finalmente la disoccupazione”.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...