13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Agrigento

offerta da un anonimo siciliano

Cane ucciso a Sciacca: taglia di mille euro a chi denuncia responsabile

10 Settembre 2019

Una taglia di mille euro è stata messa a disposizione di chi denuncia colui o colei che abbia causato la morte di “Tequila“, una cagna di due anni a Sciacca (Agrigento).

L’iniziativa è stata assunta dell’A.I.D.A.A. (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) e da Italiambiente, che fanno sapere come “la taglia è offerta da un siciliano privato che ha messo a disposizione la somma senza voler apparire. La somma sarà pagata a chi, con la propria testimonianza diretta e non anonima, denuncerà ai carabinieri il responsabile o i responsabili di questo atto criminale”.

Tequila, un esemplare regolarmente microchippato e sterilizzato, era un cane di quartiere, essendo stato adottato dagli abitanti di una ampia zona del centro compresa tra la via Roma e il corso Vittorio Emanuele i quali, a turno, se ne occupavano.

Stando ad alcune testimonianze informali, Tequila sarebbe stata investita e uccisa, non si sa ancora se da uno scooter o da un’autovettura, il cui guidatore si sarebbe poi preoccupato di far sparire il corpo. Si sospetta anche che la cagna sia stata avvelenata.

Sciacca è la città che già, nel febbraio del 2018, finì sotto i riflettori della stampa nazionale a seguito del maxiavvelenamento di cani ad opera di ignoti nella località di Muciare.

 

LEGGI ANCHE:

Orrore a Sciacca: 15 cani avvelenati e minacce di morte al sindaco [FOTO] Musumeci: “Gesto vile gravissimo”

I cani avvelenati a Sciacca, la politica si mobilita mentre si cercano i responsabili

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Grazie a Dio è Venerdì Jean-Jacques

Ho seguito la politica sui mezzi di comunicazione informatica fino al suggello dell’esito della crisi, attraverso i social e mi sono fatto un po' di domande sulla loro infallibilità. Ci si può fidare un "computerone"? È vera la completa assenza di un moderatore fisico in grado di influenzare e ribaltare le scelte del sistema informatico.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.