19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

Il verdetto atteso domani pomeriggio al Mibact

Capitale Italiana della Cultura 2018, Palermo ed Erice in attesa del verdetto di domani

30 Gennaio 2017

Domani, martedì 31 gennaio, si conoscerà la città vincitrice di Capitale Italiana della Cultura 2018. Il presidente Stefano Baia Curioni comunicherà al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, quale delle 10 città finaliste (Alghero, Aquileia, Comacchio, Unione dei Comuni Elimo Ericini, Ercolano, Montebelluna, Palermo, Recanati, Settimo torinese, Trento) sarà designata Capitale Italiana della Cultura 2018.

La cerimonia si terrà alle ore 15:00 presso la Sala Spadolini del Mibact, in Via del Collegio Romano n. 27, a Roma.

uceeIn rappresentanza dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini a Roma sarà presente una delegazione composta da Giuseppe Bica, sindaco di Custonaci, Giacomo Tranchida, sindaco di Erice, Giuseppe Pagoto, sindaco di Favignana, Vito Mancuso, presidente Fondazione Architetti nel Mediterraneo di Trapani “Francesco La Grassa”.

È prevista una diretta streaming. Sarà possibile guardare il video promozionale della candidatura sulla pagina Facebook e sul canale YouTube.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.