19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05

Il commento dopo la condanna dell'ex Presidente del Parco dei Nebrodi

Caso Montante, Antoci: “Occorre dire basta a chi fa a gara ad essere più antimafioso dell’altro”

11 Maggio 2019

Pur non conoscendo Antonello Montante, non avendolo mai incontrato –dichiara Giuseppe Antoci, ex Presidente del Parco dei Nebrodi, alla notizia della condanna di Antonello Montante e altri soggetti con lui coinvolti- mi sono sentito in dovere, dopo averne per correttezza aspettato una sentenza per la quale dobbiamo ringraziare la Magistratura, di prendere spunto da questa squallida vicenda per porre una riflessione ma, soprattutto, per accendere una speranza, consentendo a questa esperienza di portare insegnamento e monito“.

Intanto, Giustizia è fatta! Occorre però dire basta, assolutamente basta – continua Antoci – a chi fa a gara ad essere più antimafioso dell’altro, a ergersi ad icona Antimafia, come se questo consentisse patenti e privilegi. Basta con Professionisti e Professori. Bisogna tornare alla normalità, a quella normalità che ti porta a fare solamente il tuo dovere, non per avere tornaconti personali ma farlo solo esercitando il dovere di cittadinanza e porre al primo posto la propria coscienza“.

Questa vicenda – continua Antoci – per la quale sono indignato, mortifica tanti che hanno fatto della lotta alla illegalità e alle mafie un loro impegno semplice e sincero, a chi per tale impegno è morto o ha rischiato di morire, a chi per tutto ciò ne ha perso libertà e pace per sé e la propria famiglia, questo Montante ha offeso. Ecco, io sono uno di quelli, che non ha cercato mai nessun tornaconto, che non ha mai cercato incarichi o consulenze, sono uno dei tanti ma tanti ce ne sono, che ha fatto e fa solo il proprio dovere. Per fare questo non bisogna essere né professionisti né professori, basta essere solamente delle brave persone“.

Ecco, ripartiamo da lì… dalle brave persone, rimaniamo però indignati per quelli che, come dimostra questa sentenza, brave persone non lo sono
state. Il rammarico – conclude Antoci – è che dai più erano proprio considerati nella peggiore delle ipotesi dei Professori“.

 

LEGGI ANCHE:

Talpe, spionaggio e corruzione: condannato a 14 anni il “paladino antimafia” Montante

 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.