13 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.04

Il commento dopo la condanna dell'ex Presidente del Parco dei Nebrodi

Caso Montante, Antoci: “Occorre dire basta a chi fa a gara ad essere più antimafioso dell’altro”

11 Maggio 2019

Pur non conoscendo Antonello Montante, non avendolo mai incontrato –dichiara Giuseppe Antoci, ex Presidente del Parco dei Nebrodi, alla notizia della condanna di Antonello Montante e altri soggetti con lui coinvolti- mi sono sentito in dovere, dopo averne per correttezza aspettato una sentenza per la quale dobbiamo ringraziare la Magistratura, di prendere spunto da questa squallida vicenda per porre una riflessione ma, soprattutto, per accendere una speranza, consentendo a questa esperienza di portare insegnamento e monito“.

Intanto, Giustizia è fatta! Occorre però dire basta, assolutamente basta – continua Antoci – a chi fa a gara ad essere più antimafioso dell’altro, a ergersi ad icona Antimafia, come se questo consentisse patenti e privilegi. Basta con Professionisti e Professori. Bisogna tornare alla normalità, a quella normalità che ti porta a fare solamente il tuo dovere, non per avere tornaconti personali ma farlo solo esercitando il dovere di cittadinanza e porre al primo posto la propria coscienza“.

Questa vicenda – continua Antoci – per la quale sono indignato, mortifica tanti che hanno fatto della lotta alla illegalità e alle mafie un loro impegno semplice e sincero, a chi per tale impegno è morto o ha rischiato di morire, a chi per tutto ciò ne ha perso libertà e pace per sé e la propria famiglia, questo Montante ha offeso. Ecco, io sono uno di quelli, che non ha cercato mai nessun tornaconto, che non ha mai cercato incarichi o consulenze, sono uno dei tanti ma tanti ce ne sono, che ha fatto e fa solo il proprio dovere. Per fare questo non bisogna essere né professionisti né professori, basta essere solamente delle brave persone“.

Ecco, ripartiamo da lì… dalle brave persone, rimaniamo però indignati per quelli che, come dimostra questa sentenza, brave persone non lo sono
state. Il rammarico – conclude Antoci – è che dai più erano proprio considerati nella peggiore delle ipotesi dei Professori“.

 

LEGGI ANCHE:

Talpe, spionaggio e corruzione: condannato a 14 anni il “paladino antimafia” Montante

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.