20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.05

Il ministro dell'interno replica: "Che paura"

Caso “Sea watch”, Orlando annunzia di voler denunciare Salvini

1 Luglio 2019

“Avanzeremo una formale denuncia contro il ministro dell’Interno perché ha messo il comandante della Sea Watch 3 nella condizione di non avere scelta. Carola ha operato in uno stato di necessità creato ad arte dal ministro che non ha consentito l’approdo della nave a Lampedusa”. 

Lo ha annunciato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando parlando ai giornalisti a bordo della nave ‘Rainbow Warrior‘ di Greenpeace in cui è stato affrontato il caso della Sea Watch 3.

“E’ un comportamento vergognoso quello del ministro dell’Interno – ha aggiunto il sindaco di Palermo – perché tra l’altro viene smentito dal ministro degli Esteri, il quale ha affermato con grande chiarezza che la Libia non è un porto sicuro. La comandante della nave alla quale ribadisco la mia solidarietà e riconfermo la cittadinanza onoraria all’equipaggio della Sea Watch – ha aggiunto Orlando – si difenderà, come è giusto che sia in uno Stato di diritto, non si avvale della immunità parlamentare di cui si è avvalso vergognosamente il ministro Salvini e dimostrerà che si è trovata nell’esercizio delle sue funzioni di comandante di una nave”.

La replica di Salvini: “Orlando vuole denunciarmi? Che paura”

“Il sindaco sinistro di Palermo mi vuole denunciare…Tremo dalla paura”. Lo scrive in un tweet il ministro dell’Interno Matteo Salvini, replicando alle critiche di Leoluca Orlando sul caso Sea Watch.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.