13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Ragusa

Il 14 e il 15 settembre

Chiaramonte Gulfi: ecco la XXXIII edizione della Sagra dell’Uva | IL PROGRAMMA

11 Settembre 2019

La nostra passeggiata di oggi ci accompagna nel ragusano che nell’immaginario, ormai, associamo a “Il Commissario Montalbano”, e precisamente a Roccazzo, una frazione di Chiaramonte Gulfi (RG) per la XXXIII edizione Sagra dell’Uva, a cura dell’Associazione Giovanile Roccazzo, che rappresenta uno degli appuntamenti più attesi di fine estate e che possiamo definire con tre parole a noi care: tradizione, genuinità e promozione dei prodotti tipici della montagna.

Chiaramonte Gulfi

Chiaramonte Gulfi, definito il Balcone di Sicilia per la sua magnifica posizione panoramica, è un’incantevole comune, disteso sui Monti Iblei, famoso per la gastronomia, la produzione di olio d’oliva e vino e per i tanti musei che ospita. La sua cucina, essendo un comune montano, ricca di funghi e formaggi, “magnifica il porco” che trasforma in salsicce, costate ripiene e salami. Il suo toponimo nato dall’unione di Chiaramonte, in ricordo di Manfredi, e Gulfi, “terra amena”, diventerà ufficiale solo nel 1881; gli altri, invece, sono meno noti: “Porta di la chaza”, “Arco dell’Annunziata” e “via della muraglia”.

Sagra Uva Roccazzo Chiaramonte Gulfi

Il teatro di questa festa è il mercato ortofrutticolo di Roccazzo, il nome deriverebbe dall’esistenza in passato di una rocca o torre, che accoglie gli stand, vede la partecipazione di numerosi venditori e produttori, permettendo grande facilità di parcheggio, elemento da non sottovalutare. Degustazione dei sapori classici della vendemmia, con oltre cinquemila litri di mosto utilizzati per la preparazione di mostarda e cuddureddi, per non parlare delle centinaia di chili di salsiccia e di frittelle. Particolare attenzione, ovviamente, viene riservata all’uva, messa a disposizione dei visitatori in diverse varietà, a cominciare da quella Italia, la regina della tavola, trasformando il cuore del mercato in una vera e propria «cittadella della vendemmia».

Come ogni anno l’Associazione Giovanile si occupa dell’organizzazione della Sagra dell’Uva e, come ogni anno, potrete anche comprare vino e mosto dolce e assaggiare, anche, un buon panino con la salsiccia degli Iblei, accompagnati da musica che vi farà scatenare in balli irrefrenabili.

 

IL PROGRAMMA

Sabato 14 settembre

Alle 18 – Mercato ortofrutticolo

Preparazione delle specialità tradizionale: mostarda, cuddureddi, frittelle, patatine fritte e panini con salsiccia

Alle 21

Serata d’animazione e balli di gruppo e liscio con Leonarda

Apertura con l’orchestra ArchEtna di Mojo Alcantara

Domenica 15 settembre

Alle 18 – Mercato ortofrutticolo

Preparazione delle specialità tradizionale: mostarda, cuddureddi, frittelle, patatine fritte e panini con salsiccia

Alle 21

Concerto live del gruppo Il Mito

Concluderà la serata Lorenzo Licitra

Chiudiamo con: “Il vino è la poesia della terra” di Mario Soldati.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Grazie a Dio è Venerdì Jean-Jacques

Ho seguito la politica sui mezzi di comunicazione informatica fino al suggello dell’esito della crisi, attraverso i social e mi sono fatto un po' di domande sulla loro infallibilità. Ci si può fidare un "computerone"? È vera la completa assenza di un moderatore fisico in grado di influenzare e ribaltare le scelte del sistema informatico.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.